Perché

Pubblicato: 31 luglio 2009 in poesie

Vorrei fare una volta tanto una piccola premessa:questa che state per leggere è la prima poesia che ho scritto quando avevo 14 anni, quella da cui è iniziato tutto,ci tengo molto e la metto in home page, come post permanente.

perchè

Perché nel mondo ci sono ingiustizie e guerre?

Perché non siamo tutti fratelli e sorelle?

Perché quando i neri morivano facevano festa?

Perché agli ebrei veniva tagliata la testa?

Perché il mondo non è tutto uguale?

Perché non gira per tutti in senso normale?

Perché alcune morti hanno più senso di altre?

Perché il cielo non si dirada è c’è solo una coltre?

Perché esistono i soldati bambino?

Perché non possono avere i genitori vicino?

Perché anche se c’è il sole vedono pioggia?

Perché spesso su di loro la guerra poggia?

Perché esistono droga e inquinamento?

Perché la terra e a metà tra agonia e tormento?

Perché si nasce piangendo e si muore ridendo?

Perché spesso i buoni propositi vengono persi nel vento?

Perché le parole di Dio vengono travisate e sfruttate da chi è potente?

Perché se Dio esiste resta fermo come un deficiente?

E già perché…

Protagonista

Pubblicato: 8 marzo 2021 in poesie

Spesso mi domando che personaggio farei in un film

Probabilmente uno inutile

Che muore subito

Inserito solo per nonnismo o raccomandazione

“tanto per farti un favore”

In fondo non cambia molto dalla mia vita

Ogni cosa che mi succede sembra una concessione dall’alto

Ed io una comparsa

Anzi una marionetta guidata dagli atri

Vedendo una vita piena di altri protagonisti

(marionettisti?)

Questo non lo sa nessuno

È vero che l’importante non è essere albero o cespuglio

Ma il miglior cespuglio

A volte non mi sento neanche seme

Forse humus per far crescere gli altri

“dal letame nascono i fior”

Trampolino di lancio per altre persone

“squadra materasso” per altre

Purtroppo, non posso rimbalzare su me stesso

E non riesco a elevarmi

Magari per essere protagonista per un attimo

Quello che mi concede il rimbalzo

Per essere all’altezza degli altri…

“Presente…”

Pubblicato: 10 febbraio 2021 in poesie

Risultato immagini per presente

Sono presente?

Sono UN presente?

Vivo nel presente?

Parola versatile

Sembra una persona con molte identità,

Con personalità multiple,

un agente segreto

bisogna solo tirarla fuori al momento giusto,

col contesto giusto,

tanto ce ne sono almeno tre,

una medaglia con tre lati,

in fondo tecnicamente lo sono tutte,

solo che è molto difficile che esca “il bordo”

che può essere presente, presente o presente

ma in ogni caso sarà il lato sbagliato…

Uragani di parole…

Pubblicato: 3 febbraio 2021 in poesie

Dopo l’ultima parola,

Non importa se bella o brutta,

l’ultima,

importa solo quello,

e mentre mi volti le spalle

ovviamente non c’è vento

nemmeno una folata

ma per me è come se fosse un uragano

e tu il suo occhio

il suo bellissimo occhio

io vengo sbalzato via

le mie idee

l’anima

tutto sbattuto ovunque

tranne che al suo posto

è anche fortemente improbabile

ma è così

cerco di sfruttare questo vento

per rimbalzare nella direzione giusta

ma non succede

affogo nell’aria

affogo in me

perché c’è troppo me

perché senza di te strabordo

come una lievitazione andata a male

sei quello che limita la mia parte cattiva

perché solo con te trovo il limite giusto

perché un uomo senza casa

è un uomo senza anima…

Parole ultrasoniche…

Pubblicato: 25 gennaio 2021 in poesie

Il politically correct | Appunti Alessandrini

Mi sono stancato di fare la ruota di lato per evitarti

Ne ho fatte più di un cazzo di ninja

Ma non riesco ancora a sfruttare un’occasione

Di imboccare il mio turno

Quando tocca a me?

Volevo smettere di essere un bersaglio

Devo solo trovare la finestra giusta

E ricambiare le tue parole

Che hanno la stessa velocità dei proiettili

Voglio vomitarti addosso ogni vocabolario del mondo

In rima

Endecasillabe

Farti sentire come meriti

Come uno tsunami di lettere

Che sommerga ogni tua protesta

Che sommerga anche il tuo ricordo

Che ti faccia capire che ho smesso di subire

Anche Eminem non saprebbe come reagire

Neanche con la violenza

Quello che ho dentro è antiproiettile

Forse per lo spessore delle pagine dei vocabolari di cui sopra

O forse per il tempo che hanno avuto per diventare quello che sono

E quello che sono io…

Parole in fuga…

Pubblicato: 15 gennaio 2021 in poesie

Ceerto chee se eee questa “e”  rimaneeesseee al posto suo andreeebbe meeeglio

Eviteremmo la tortura quotidiana

Lo scherno,

mi pare di leggere durante un terremoto

invece sono fermo

anzi bloccato

davanti a lettere in fuga

che non si piegano al mio volere

fermatevi almeno un attimo

lo chiedo anche ai miei compagni

basta schernirmi

lo so che magari non sono il più grande lettore del mondo

magari lo sarò col tempo

magari toglierò “dis” a “lessico”

ma sarò sempre io

sempre questo carattere

sempre questo voler aiutare

anche voi resterete così,

ma sapete che vi dico?

Meglio dislessico che (stronzo) come voi…

…Do MAGGIORE…

Pubblicato: 1 luglio 2020 in poesie
Tag:, , ,

 

 

 

 

 

 

 

…Do MAGGIORE…

Voglio usare tre sole dita,

Per tutta la durata della canzone,

premere con forza sempre solo tre corde,

senza cambiare mai

…Accordo….

Semplicità

In fondo è l’inizio di ogni canzone

Potrebbe essere una rivoluzione

Ma io voglio solo verità

Non ne basta metà

E troppe note confondono

Danno strade diverse

L’unica cosa che deve cambiare

È la “pennata”

Basta cambiare ritmo a volte

E senza stravolgere la vita

Può cambiare quel tanto che basta

Per avere una fantastica melodia…

Gravità…

Pubblicato: 26 febbraio 2020 in poesie

 

 

 

 

Gravità…

Le vertigini sono solo un sintomo

L’aereo mi lascia molto in alto

Decido di aumentare la velocità

In picchiata

Un’aquila tenta il sorpasso

Senza successo

Nulla mi può tenere lontano dalla mia terraferma

Dal mio punto fermo

Fermo.

A mezz’aria mentre mi precipito da te

Nulla mi può fermare

Il paracadute si è già strappato

Troppa attrazione

Troppo forte il legame

Troppo belli i tuoi occhi

Troppo essenziale il tuo essere

Ed eccomi finalmente

Che atterro tra le tue braccia

Che afferro le tue parole

Mentre il ferro della tua anima

Rende forte anche me

Che cado

Sospeso

In te…

Bersaglio…

Pubblicato: 15 novembre 2019 in poesie

 

Bersaglio…

 

Pezzaliano?

Romanista?

Nostalgico?

Nerd fino al midollo?

Astemio?

Troppo buono?

Sì!

Mille volte sì!

“Perché non cambi?

Perché essere bersaglio di scherno?”

Le cose che per voi sono sbagliate di me,

mi hanno cresciuto e reso quello che sono

sollevato nei momenti bui

forse per voi sono un perdente

ma io vinco ogni giorno

se diventassi come voi per essere accettato

perderei la mia identità

magari non sarei un perdente

ma sarei perso per sempre…

Venti giusti…

Pubblicato: 7 ottobre 2019 in poesie

Venti giusti…

Cerco di riporre meglio che posso la mia vela,

in modo da poter prendere il vento migliore,

non necessariamente il più veloce,

magari il più profumato,

il più stoico,

il più giusto(?)

a volte nonostante un uragano costante,

mi sembra di stare sempre fermo,

che tutto il mio mondo sia fermo,

una generazione che aspetta,

anche se lavora,

vive,

si riproduce,

c’è sempre la non adeguatezza rispetto al passato,

lo sguardo fisso sullo specchietto retrovisore,

cosa abbiamo fatto per il mondo?

Per mantenere il vento pulito?

Per renderlo giusto?

Sicuramente non molto,

ci limiteremo a rifare lo sbaglio dei nostri genitori,

sperare che i nostri figli siamo migliori di noi…

Peso…

Pubblicato: 2 ottobre 2019 in poesie
Tag:

Sono molto bravo a rimanere al mio posto,

forse perché peso troppo,

un bagaglio infinito di emozioni e ricordi,

soffro tantissimo la forza di gravità

non sapendo in realtà quanto sia grave

o sapendolo fin troppo bene

cercando di rimanere in equilibrio

come una bilancia  con due piatti

ma con due pesi diversi messi sopra

che mi faranno cadere, senza restare al mio posto

ma in uno sbagliato…

L’eterna lotta

Pubblicato: 10 settembre 2019 in poesie

 

L’eterna lotta

Oggi chi avrà la meglio?

Istinto o ragione?

Per assecondarlo il corpo femminile si è modificato

La società ci dice di fare una cosa

E il corpo l’opposto

“Non siamo animali”

Ma nessuno sopravvivrebbe senza le sue perversioni

Senza assecondare gli appetiti del lupo che ci vive dento

Altrimenti si nutrirebbe di noi

Lotta anche oggi

Se vincerà il lupo potresti finire dietro le sbarre

la colpa non è la tua

Ma purtroppo allo Zoo non c’era più spazio…

Volgare…

Pubblicato: 27 agosto 2019 in poesie

Volgare…

 

Le mie parole sono quello che sono

Lame o piume, non importa

in ogni caso adatte al volo

la distanza che raggiungono

Dipende da chi le ascolta e da chi le ripete

Come quando guardi un oggetto attraverso le lacrime

Non sempre la visione è nitida

È sporca

Volgare

Come un mondo inconcludente

Affamato

Che si nutre di se stesso

Cannibale

Annibale

Devastando del più è del meno

Decidendo chi mangiare e chi no

Anche se a volte è meglio essere nello stomaco di qualcuno

Che nei suoi pensieri…

 

Dall’alto…

Pubblicato: 28 marzo 2019 in poesie
Tag:, , , ,

 

Dall’alto…

 

Non è stato affatto facile arrivare fin quassù

Il tempo poi a un certo punto si è come dilatato

Secondi

Diventati

Secoli

Volevo salire qui per cambiare punto di vista

Ma non è l’unica cosa che ho cambiato

Tutti i sensi sono cambiati

Percepiscono

molte

altre

cose

Soprattutto la pelle

Sente questo vento imperioso

Ora capisco che sono salito qui di mia volontà

Ma cosa ci dovrei fare con tutto questo vento?

Non ho vele o deltaplani

Non posso volarci

Navigarci

Viverci

Ne vengo solo sballottato

Perso

Dentro me stesso

Ma a chilometri di quota

In fondo ho scalato questa montagna “solo perché era qui”

Ma ora mi rendo conto che è un posto in cui non vorrei essere…

Tsunami d’aria

Pubblicato: 23 gennaio 2019 in poesie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

puoi scegliere tranquillamente come farti ferire dal vento

magari può essere utile

magari può tagliare questi capelli troppo lunghi

aspetta un altro po’

arriverà anche per te

questo tsunami d’aria

non un uragano

ma una sola lunghissima

infinita

onda

ti trascinerà per un po’

ferendo

curando

rotolandoti

ti rialzerai più forte

più saggio

e con il taglio alla moda che volevi…

Venti falsi…

Pubblicato: 18 dicembre 2018 in poesie
Tag:, , , ,

…forse dipende dal tipo di vento

non è sempre uguale

non è sempre giusto

non dipende da direzione o intensità

o dalla temperatura

a volte è semplicemente sbagliato

a volte lo siamo noi

sballottati o coccolati

dilaniati o protetti

e una volta andato via

magari contenente alcuni nostri semi

ne aspettiamo un altro

sperando che sia quello del cambiamento

che non faremo mai

neanche se ci costringerà un uragano….

Anche oggi…

Pubblicato: 14 ottobre 2018 in poesie

Anche oggi…

Anche oggi il mio sorriso ha cambiato sapore

il motivo può essere importante o futile

magari una somma dei due

ma sempre amaro resta

IO ci tengo veramente a prendermi parte della colpa

anche la maggior parte

ma ne avanza sempre

a volte tanta 

a volte no

evidentemente ha un sapore troppo forte

non per tutti

non per le conseguenze

alla fine però in cassa sono l’unico della fila

senza poter comprare lo zucchero

che era l’unica cosa che mi serviva…

Reboot

Pubblicato: 12 agosto 2018 in poesie

Reboot

Gli inizi non sono mai facili,

la fortuna del principiante è una leggenda.

Ma i secondi inizi?

I riavvii fatti per non avere più l’odore stantio addosso?

Dipende da cosa vuoi tenere o buttare,

dal prossimo vestito che indosserai

se la maschera di pelle che indossi ogni giorno

ti sta ancora bene

o se hai cambiato faccia e pelle talmente tante volte

da non riconoscerti

forse il reboot ha proprio quello scopo

un colpo di spugna catartico

in modo che del passato non debba occupartene tu

un documento falso,

un nuovo passaporto

una storia che è solo nella tua mente…

Adesso sei quello che volevi

hai una seconda chance

sarà quella giusta?

Sarà la volta buona?

Dimenticavo,

questo non saprai mai,

perché o primo o secondo o ennesimo,

si tratta comunque di un inizio…

Applausi

Pubblicato: 25 maggio 2017 in poesie

 

Applausi…

Sinceramente non me lo aspettavo in questa stagione,

tutto questo fragore

questa riconoscenza che viene dal cielo

in fondo non ho fatto nulla di che

ma il rumore di questa pioggia mi imbarazza

non penso di meritarlo

in fondo non ho cantato o ballato

ma ho solo guardato

sono rimasto indifferente come molti altri

…come tutti…

Forse, anzi sicuramente

Perché non conosciamo tutta la verità

Ma quel poco di verità che conosciamo

Dovrebbe farci alzare

Certo gli attentati non sono colpa nostra in modo diretto

È un modo meschino per reagire alla nostra guerra “ultratecnologica”

“questo ucciderà solo i terroristi”

Quindi le scuole e gli ospedali ne sono pieni…

Non voglio giustificare l’orrore

…ma vedere un bambino di 7 anni usato come bomba insospettabile…

“mi ha mandato mio zio”

Ma dove siamo arrivati?

Da entrambe le parti…

quanto bisogna essere esasperati per farlo?

Secondo me dobbiamo tutti controllarci il D.N.A.

Perché non siamo più umani

E il rumore della pioggia non sono applausi,

ma le percosse che meriteremmo…

 

Castelli di rabbia…

Pubblicato: 18 maggio 2017 in poesie
Tag:

Castelli di rabbia….

Lo ammetto, il titolo non è il massimo dell’originalità

Ma quello con cui sto costruendo non è cemento

Assolutamente non può essere sabbia

O magari carte da gioco,

forse carte documentali

ma non ne sono sicuro

ormai non sono più sicuro di nulla

sicuramente mastico rabbia

e a forza di masticarla da qualche parte deve finire…

non so quale potrebbe essere il prodotto finale

ma non penso migliorerà

eppure non sono mai stato iracondo

ma queste mura che sto costruendo dicono il contrario

e non penso che con un ariete di rabbia si riuscirebbe a entrare

forse con qualcosa fatto di calma

il problema è che sono rimasto fuori anche io

e la password è fatta di parole che ho dimenticato…

Tsunami “gatling”.

Pubblicato: 11 ottobre 2016 in poesie

 

Tsunami “gatling”.

 

 

Generalmente di tsunami se ne forma uno alla volta

Di solito non si riesce a capire dove e quando avviene

Per poterne magari utilizzare l’immensa potenza

Ma poi,

mi siedo sopra il vecchio faro della mia anima

e ti vedo

ti vedo mille volte

mentre fai inseguire il mare, dal mare

come una mitragliatrice di tsunami

come uno tsunami gatling

vedo gli scogli ormai stanchi da tutta questa forza

vedo un’energia che può mandare avanti l’universo

per sempre

più di Dio

più delle stelle

vorrei avere anche io un po’ di questa forza

di questa serie di tsunami

che creano il mondo

invece di distruggerlo…