Archivio per aprile, 2008

Non basta….

Pubblicato: 29 aprile 2008 in poesie

Non basta….

Alza la testa…

Muovi gli occhi,

e chiediti, cosa vuoi…

domandati se quello che sei diventato,

può in qualche modo piacerti..

o se il passato è troppo pesante..

se un soffio di vento può bastare a cancellare i ricordi,

o se continui a lavarli, a pulirli con le lacrime…

se basta voltare pagina,

anzi se basta dire “volto pagina!”,

o se devi ricominciare il libro da capo…

se basta voler migliorare per farlo veramente..

o se è solo l’inizio, l’inizio di una cosa che non comincerà mai,

domandati se basta… essere te stesso… ma senza cambiare…

Un’altra pagina…

Pubblicato: 26 aprile 2008 in poesie

Un’altra pagina…

Ogni giorno che ci svegliamo,

è come se diventassimo scrittori,

è la nostra vita che raccontiamo,

come se no fossimo gli attori,

il nostro libro è molto avvincente,

pieno di pagine emozionanti,

per scriverlo non bisogna fare niente,

solo vivere chi hai davanti,

per scrivere anche sono un’altra pagina,

per portare avanti la nostra storia,

quando avviene quello che non si immagina,

quando si cerca disperatamente la gloria,

scrivere ogni giorno fino alla quarta copertina,

spero che per quel giorno avrò scritto ogni capitolo,

e che il mio libro diventerà un best seller,

e di essere finalmente libero…

Effimero….

Pubblicato: 23 aprile 2008 in poesie

Effimero….

Un soffio di vento…

È già finito…

È stato molto veloce,

una sensazione fugace,

un po’ di foglie che volano,

un suono cupo che va ad libitum,

è stato effimero…

come a volte mi sento io …

come passare sulle cose troppo in fretta,

senza darmi troppa retta,

devo pensare di più alle cose,

farle più lentamente,

non di dico di dover rimanere in mille pose,

ma devo avere calma o non mi rimarrà niente,

ed è quello che proverò e che riuscirò a fare,

perché c’è una cosa che non voglio assolutamente perdere.

Quello che posso…

Pubblicato: 23 aprile 2008 in poesie

Quello che posso…

Dopo aver fatto l’ennesimo passo,

mi accorgo di essere più pesante di un masso.

Magari non riesco a esprimere bene le mie idee,

ed ogni volta mi nascondo con mille livree,

cambiare pelle come fossi un camaleonte,

o attraversare il mare dell’inferno come Caronte,

O semplicemente fare quello che posso,

ed essere “solamente” me stesso,

guardare le cose sotto il mio punto di vista,

o fare quasi sempre la cosa giusta,

seguire sempre quello che ho dentro,

ed esternare quello che sento,

perché non posso fare a meno di essere sincero,

e di vivere la vita per intero…

Dietro di noi…

Pubblicato: 21 aprile 2008 in poesie

Dietro di noi…

Guardando alle spalle con le lacrime agli occhi,

ricordando il passato un po’ alla volta,

riflettendoci dentro mille specchi,

aspettando con ansia la svolta,

poi fermarsi.

Aspettare.

E sentire l’onda che arriva,

cavalcarla,

e non guardare mai più dietro di noi,

non lamentarsi nonostante il senno di poi,

perché adesso è tutto chiaro,

le prove , le lacrime la sofferenza,

il mio mondo non sarà mai più scuro,

ho capito della vita l’essenza,

il mio mondo adesso è molto più denso,

è arrivato quello che volevo da troppo tempo,

adesso finalmente tutto ha un senso,

e mi sento il fuoco dentro.

Grazie di esserci…..

che dire….?

Pubblicato: 21 aprile 2008 in 1

…. che finalmente dopo 4 mesi mi è tornato il sorriso… vorreste sapere il motivo…? vi piacerebbe eh… no il fatto è ke ogni volta che vi ho detto che andava un pò meglio me la sono tirata da solo quindi preferisco non entrare nei particolari…speriamo solo ke la vita come penso di meritare ricominci a sorridermi..

ciao belli fate i bravi…

Parole

Pubblicato: 21 aprile 2008 in poesie

Parole

Parole come “ti amo” o “ti voglio bene”,

hanno in effetti un gran valore,

e ripeterle spesso non le sminuisce,

è solo che io voglio farti capire quello che provo,

e non voglio che esca dalla tua memoria,

e che questo viaggio non posso farlo da solo,

e non posso neanche pensare che tu vada via,

voglio che le nostre parole suonino insieme come una musica,

voglio farti capire che tu per me sei molto più che unica,

vorrei che il nostro percorso fosse lo stesso,

perché se ascolto le tue parole e la tua voce ,

non mi sento mai perso,

non ti vorrei sembrare troppo veloce,

ma dico sempre quello che penso…

Non voglio perderti…

Pubblicato: 17 aprile 2008 in poesie

Non voglio perderti…

Nei momenti tristi mi chiedo sempre,

che cosa sarei senza di te…

se avere una persona che mi vuole bene,

che mi solleva con delle parole,

che in tanti anni non avevo mai sentito,

che mi fa credere in me stesso,

che mi fa essere diverso,

diverso da quando mi piangevo addosso,

adesso il cielo è più terso,

ecco perché non voglio perderti,

e quando sei triste risollevarti,

farti vedere la vita sotto il mio punto di vista,

essere finalmente rinato,

cambiare le priorità nella mia “lista”,

e cancellarci ogni rimpianto.

Qualcuno che crede in me…

Pubblicato: 16 aprile 2008 in poesie

Qualcuno che crede in me…

E’ bello quando si torna a casa,

avere una persona che ti chiede qualcosa,

“come è andata la giornata?”

“è stata felice o un po’ appannata?”

e sapere che non sono domande di circostanza,

o fatte solamente per buona creanza,

ma perché quella persona crede in me,

in quello che sono che faccio che scrivo,

e comprenda le mie fisime,

se mi sento sociale oppure schivo,

che capisca se sono felice o triste,

se sto bene oppure no,

che sappia affrontare con me gioe e tempeste,

che sia felice di tutto ciò che ho,

delle mie vittorie dei miei bisogni,

che sia la mia via d’uscita,

la reale risposta ai miei sogni,

e che condivida con me la vita.

Ombre…

Pubblicato: 15 aprile 2008 in poesie

Ombre…

Ombre sul passato o sul presente,

cercando di capire cosa ho in mente,

ma non in quella cosciente,

quella persa nei meandri del niente,

nel mio lato oscuro,

domande e risposte di cui non sono sicuro,

ma che nel mio subconscio lasciano ombre,

da affrontare come mille onde,

come un naufrago su una zattera,

che nonostante tutto affronta il mare fiera!

Ma che non riesce a sfuggire alle ombre,

perché sono dentro di me…

Sto diventando ermetico…

Pubblicato: 15 aprile 2008 in diario

….sempre meglio ke emetico… lol…no a parte skerzi riesco a esprimere un concetto con meno parole di prima… meno sprechi…di parole appunto… sto imparando il dono della sintesi…ciao belli un bacio…

Senza parole…

Pubblicato: 15 aprile 2008 in poesie

Senza parole…

Ti ritrovi lì in piedi,

guardandoti negli occhi,

accorgendomi che non serve parlare,

ma solo vedere ,

di che colore sono i tuoi occhi,

e che cosa hanno da dirmi,

e la luce che possono darmi,

facendomi dimenticare separazioni,

e non solamente mie,

cercare di ricordare,

e subito dopo di dimenticare….

Avete presente quando..?

Pubblicato: 14 aprile 2008 in diario

…non sapete se siete tristi o felici?… e vi succedono cose “contrastanti” ? e voi siete lì non capite se fare un sorriso o un pianto? forse è peggio stare così ke essere tristi… almeno essendo tristi si sa la sensazione ke si prova… io adesso non lo so… e forse questo mi rende triste…. è una vita piena di mistero… mah… alla prox…

Vado via…

Pubblicato: 13 aprile 2008 in poesie

Vado via

Mi alzo, e prendo la giacca,

mi guardo intorno x controllare,

se ho dimenticato qualcosa,

e poi mi accorgo che,

quello che ho perso si trova dentro me,

che è inutile andare via,

e lasciare dietro di me una scia,

se poi non trovo quello che voglio,

il punto è che non lo so neanche io.

Forse vorrei solo andare via,

con una persona che condivida il viaggio con me.

Oggetti

Pubblicato: 13 aprile 2008 in poesie

Oggetti

La memoria ha dei strani percorsi,

odori, colori e o qualche oggetto,

ci riportano in strani trascorsi,

e ci ritroviamo sul burrone della memoria,

e senza nemmeno un piccolo parapetto.

La visione di un oggetto, ci riporta lì,

dove non avremmo mai voluto tornare,

in quel momento, in quel bacio,

che era gioia, adesso e diventato lacrima,

o solamente un desiderio,

o semplicemente l’oggetto del desiderio…

Oggi è stata una giornata molto lunga….

Pubblicato: 13 aprile 2008 in diario

….è cominciata alle 04.00 e ora sono le 02.23 quasi 23 ore di veglia non è male ma il punto è ke dopo essere andato al lavoro, aver dormito un’oretta, ed essere arriavato a roma ho incontrato max!!!! mi ha firmato il libro, il cd, e gli ho dato una poesia e l’indirizzo del blog, kissà se la leggerà e se entrerà qui… e se magari lascerà un commento…penso siano solo sogni… cme gli ho dato “profondo” e l’ho ringraziato dicendogli ke era dal ’92  ke aspettavo quel momento mi ha sorriso e mi ha ringraziato… ke spettacolo…poi oggi mi sono venute 2 ideee x due poesie nuove…sto periodo partorisco proprio… speriamo ke piacciano ai miei fan… ciao a tutti e max…grazie ancora…

Radici.

Pubblicato: 10 aprile 2008 in poesie

Radici.

Mi sento come un filo d’erba,

con la sua radice così incerta.

Il luogo dove sono nato ormai lo vedo poco,

e non mi fermo più a chiacchierare, davanti a un fuoco.

Le mie radici sono antiche forse nobili,

ma il frutto che hanno dato forse è troppo ingrato,

e magari non è all’altezza del glorioso passato.

O incapace di guardare dentro me stesso,

o di capire con la vita il nesso.

Capire quali devono essere le mie radici,

ormai così labili, un po’ come tutti,

il ritmo purtroppo è cambiato,

e il tempo a disposizione molto poco,

poco tempo per gli amici ,

poco tempo per l’amore,

poco tempo per la famiglia,

e ancora meno tempo per noi stessi,

per cercare di fermarsi un momento,

e per ritrovare le nostre radici.

SOGNO BRUCIATO

Pubblicato: 3 aprile 2008 in poesie

SOGNO BRUCIATO

 

Ieri sera ho sognato,

che ti ho incontrato.

Ma poi la sveglia ha suonato,

e il mio sogno è stato bruciato.

Anche perché incontrarti è un sogno,

e mi sono accorto di averne un gran bisogno.

Perché ti vuole  il mio essere,

dato che sei quello  che mi serve  per vivere.

Ma il sogno rimane incontrare la realtà,

dei tuoi occhi che mi ispirano bontà.

Adesso…vedo che sta accadendo,

ma sono sveglio o sto dormendo?

I tuoi occhi

Pubblicato: 3 aprile 2008 in poesie

I tuoi occhi

 

 

Guardando nei tuoi occhi,

vedo una parte del mio domani.

La parte più dolce in assoluto,

quella in cui vedrò veramente il mondo.

Un mondo che è il mio futuro,

che senza di te non sarà lo stesso.

Perché i tuoi occhi mi fanno guardare nell’anima,

 da essi traspare quello che hai dentro :la fiamma.

Il fuoco che è dentro di noi,

che può essere spento, o più vivo che mai.

L’ ho visto quando i nostri sguardi si sono incrociati,

e vorrei che lo facessero anche i nostri destini…

Il mio adesso forse è alla deriva,

ma c’é una cosa che lo migliora.

Il tuo ricordo,che mi riscalda l’anima,

come il sole riscalda la pelle.

Quindi ti chiedo di pensarmi un po’ ,magari solo per un secondo,

 faresti di me la persona più felice del mondo.

Avrei una nuova ragione di vita,

che senza di te sarebbe finita…

Pubblicato: 3 aprile 2008 in poesie

 

Adesso non sei lontana solo con la distanza,

in questo momento sei lontana anche nel tempo.

Sono stato sciocco a non aver pazienza,

e adesso sono morto dentro.

Ora mi accorgo dove ho sbagliato,

ma purtroppo ho distrutto quel che avevo.

Mi ritrovo a rimpiangere il passato,

ed è una cosa che non volevo.

Non la volevo ma purtroppo ormai è successo,

è successo ma non pensavo di soffrire così tanto.

La cosa sicura è che io non sarò più lo stesso,

e che vivrò per sempre nel rimpianto.