Archivio per luglio, 2008

Equilibrio…

Pubblicato: 31 luglio 2008 in poesie

Equilibrio…

Sulla corda,

che pende a destra,

e a sinistra,

senza la rete sotto,

per pescare,

anche la più piccola emozione,

le mie emozioni,

che non ci sono più,

dato che sono fuori asse,

come se tutto cambiasse,

in ogni secondo,

senza una logica,

senza equilibrio,

solamente sbilanciandosi,

in dichiarazioni folli,

sull’orlo di una vita che non ci vuole,

o che non volevamo così,

ed è per questo che siamo sempre sbilanciati…

Annunci

Uscite…

Pubblicato: 30 luglio 2008 in poesie

Uscite…

Porte che si aprono e chiudono,

ma non si sa dove possano portare,

forse verso nuove vite,

nuove luci,

magari fuori da un treno,

o sotto di lui,

dipende dalle nostre scelte,

dalle porte da cui usciamo,

se sono uscite di sicurezza,

o di emergenza,

se sono chiuse a chiave,

se abbiamo le chiavi,

o fingiamo di perderle,

solamente perché non vogliamo uscire,

e perché abbiamo paura di quelle porte…

Firme…

Pubblicato: 29 luglio 2008 in poesie

Firme…

Scarabocchi fatti di fretta,

magari con rabbia,

un autografo strappato,

una firma di controllo,

un segno su un pagherò,

o una x per un analfabeta,

o la firma su un vestito,

che gli regala prestigio,

e un valore che spesso non ha,

soprattutto se la firma si imita,

e non è originale,

ma ha sicuramente meno valore,

di quella alla fine della nota,

che facevano i nostri genitori,

sul diario,

portando ricordi lontani,

i nostri,

firme importanti più di quella di picasso,

o di un grande poeta…

By Black Blaze…

Né il primo né l’ultimo…

Pubblicato: 25 luglio 2008 in poesie

Né il primo né l’ultimo…

Battiti, respiri,momenti,

che passano veloci, molto veloci,

ma che si ripresenteranno,

né il primo né l’ultimo,

che ci faranno soffrire,

o gioire,

o dimenticare,

o ricordare,

che noi possiamo essere,

desiderandolo,

sia i primi che gli ultimi…

Ti aspetto…

Pubblicato: 23 luglio 2008 in poesie

Ti aspetto…

Adesso aspetto il tempo seduto,

con i muscoli tesi , allenato,

gli faccio vedere cosa significa,

vivere in quest’epoca,

tradimenti, tecnologie, valori calpestati,

la religione che ormai è solo un rifugio,

per chi non ci credeva prima,

ma se ha un problema prega anche budda,

capendo che le lacrime sono il sangue dell’anima,

ma troppo tardi,

essere abituati alle guerre e alla droga,

è la cosa peggiore, nulla ci stupisce più,

l’unica cosa da fare è aspettare,

e vedere se l’allenamento ha dato i suoi buoni frutti,

o se perderemo miseramente,

e quest’epoca non era adatta a noi…

Memorie Fragili…

Pubblicato: 22 luglio 2008 in poesie

Memorie Fragili…

Registriamo voci e canzoni,

momenti presenti e passati,

perché le nostre memorie sono fragili,

ma a volte non basta neanche quello,

foto per ricordare, come eravamo,

per aiutare i labirinti della memoria,

magari solo per piangere ancora,

e uccidersi ancora un pò,

poi cancellare tutto,

con un solo tasto,

basta poco per perdere la memoria,

ma il tuo ricordo sarà sempre con me,

nel passato nel presente nel futuro e nel tempo,

voglio tenerti dentro,

perché solo così sento,

e vedo,

tutto il mondo,

come è veramente,

come è fatta la gente,

e non ho bisogno di registrare o fotografare,

perché la mia mente adesso, è come se fosse infinita…

Partenze…

Pubblicato: 21 luglio 2008 in poesie

Partenze…

I blocchi d partenza sono pieni,

i muscoli sono più che tesi,

la concentrazione è palpabile,

il respiro è già affannato,

poi lo sparo, lo scatto,

e contemporaneamente diecimila foto,

per fermare quel momento per sempre,

e per rendere tutto nella foto della stessa consistenza,

il fumo della pistola,

gli atleti,

i blocchi di partenza,

fatti tutti di carta e colore,

senza distinzioni,

senza lotte per la solidità,

come se la carta fosse il trait d’union con la realtà,

o per far diventare le cose tutte uguali,

per poi ripartire da capo,

con altre foto,

altri momenti,

altri fermi immagine,

altre vittorie…