Archivio per agosto, 2008

Colori…

Pubblicato: 29 agosto 2008 in poesie

Colori…

Infiniti,

come i ricordi,

passano davanti agli occhi,

sfocandosi,

e sfogandosi,

facendo quasi luce,

mischiandosi,

all’aria,

colorata dalle nuvole,

con il cielo come tela,

e il sole che disegna un’ellisse,

e il vento che cancella gli errori,

coprendolo con le nuvole,

creando altri colori,

e una colonna di luce,

che sembra un dito di dio….

Metafora…

Pubblicato: 28 agosto 2008 in poesie

Metafora…

La trasposizione del concetto in immagine,

per rendere facile un concetto difficile,

come se la bellezza fosse come la carta di un regalo,

ma la carta si butta dato che il regalo è in noi,

come andare a togliere quella carta,

per vedere che un regalo non ci piace,

lo consideriamo già rotto,

anche se è nuovissimo,

quel regalo è stato scartato molte volte,

perché non era all’altezza delle aspettative,

e il balocco era rotto,

anche se la carta sembrava quasi brillare di luce propria,

ma non basta,

dato che il regalo,

sarebbe stato meglio non aprirlo mai…

Anomalia…

Pubblicato: 28 agosto 2008 in poesie

Anomalia…

Tempo e gravità si distorcono,

vorticando velocissime,

più della luce,

da zero a infinito,

andata e ritorno,

e il buco nero è profondo,

ma non si trova nella spazio,

ma in un luogo molto più grande,

la mente umana,

il buco nero è lì,

assorbe tutti i ricordi inutili,

dannosi,

come un aspirapolvere,

risucchiando tutto nell’anomalia temporale….

Apnea…

Pubblicato: 28 agosto 2008 in poesie

Apnea…

La mente libera,

la consapevolezza,

sfidarsi,

lasciarsi alle spalle tutto,

come se stessi nuotando dell’oblio,

ci siamo solo io e l’acqua,

e dei limiti che ho superato,

lavando le colpe con il cloro,

pulendo i ricordi con il sale,

che li sotterra come sotto la sabbia,

e li lascia nel profondo,

ecco perché sono venuto qui sotto,

per insabbiare i miei ricordi…

Analfabeta…

Pubblicato: 28 agosto 2008 in poesie

Analfabeta…

Simboli di cui non conosco il significato,

ideogrammi,

cirillico,

come se fosse una lingua aliena,

che io non posso capire,

perché sono analfabeta,

o solo perché l’ho dimenticata,

come a volte non riesco a leggere le persone,

non capisco se sono cattive o buone,

il metro giudizio è sempre troppo corto,

e l’oblio mi chiama,

chiedendomi se è vero,

ma non capisco cosa intenda,

mi parla in una lingua che non conosco,

e mi ritrovo analfabeta solo perché non capisco…

Amnesia…

Pubblicato: 28 agosto 2008 in poesie

Amnesia…

Pochi minuti di oblio,

di un dolce oblio,

una piccola amnesia,

ma poi torna, torna sempre,

ma la mia arma è la mia penna,

posso cancellare tutto scrivendo,

anche se sembra un paradosso,

ma solo cosi mi scrollo tutto di dosso,

scrivendo tra le righe,

scrivendo nelle lettere,

di momenti lontani,

che resteranno tali,

e verranno ricoperti da altri ricordi,

insabbiati,

come sotto una pila di vestiti stropicciati,

come se fosse una maglietta che non ricordavo di avere,

ma che è diventata fuori moda e stretta,

ed è per questo che non ricordavo di averla….

Piccole vite…

Pubblicato: 27 agosto 2008 in poesie

Piccole vite…

Quando pensavo di aver trovato un punto fermo,

ho trovato solo sofferenza,

un attimo che sembrava eterno,

ma che è stato solo un attimo,

con un rincorrersi di bugie,

e un ripetersi di vecchi errori,

e per ogni lacrima che hai sparso,

io ne ho versate dieci,

e ancora adesso non mi è chiaro,

cosa volessi da me,

se era solo un gioco perverso,

se le tue parole erano vere,

o era tutto parte del gioco,

un gioco di cui non conoscevo le regole,

ma la posta erano le nostre piccole vite,

ed altre piccole vite di cui non conoscevo l’esistenza,

perché non “volevi perdermi”,

come invece è successo ma a causa tua,

perché la mia piccola vita aveva trovato un senso,

che adesso invece ha perso….