Archivio per novembre, 2008

Due spade…

Pubblicato: 29 novembre 2008 in poesie

Due spade…

Scintille,

che fuggono via,

muscoli tesi,

velocità,

come se le mani fossero attaccate alla stessa persona,

e non a due nemici,

tanto sono speculari i movimenti,

questo confronto senza vincitori e vinti,

senza sangue se non qualche graffio,

fatto con onore,

fino a quando uno dei due non soccomberà,

come due cuori che si scontrano,

con stoccate e affondi fatti di amore,

e parate e ritirate fatte di tradimenti,

fino a che una spada,

entrerà nel cuore dell’altro….

Inverno…

Pubblicato: 28 novembre 2008 in poesie

Inverno…

Freddo,

neve,

ghiaccio,

ricordi,

il natale cade adesso,

per migliorare un po’ la stagione,

non si sa che giorno sia nato dio,

non è un caso che è a cavallo tra due anni,

che sia fine e inizio,

virtù e vizio,

amici e parenti,

tristi o contenti,

da soli o insieme,

magari prima insieme e poi soli,

pochi giorni prima del giorno più felice,

per essere lasciati a se stessi,

magari con un regalo già fatto,

che non sappiamo a chi dare,

e neanche restituire,

forse perché ci piace ricordare,

forse perché ci piace soffrire…

Chiavi…

Pubblicato: 27 novembre 2008 in poesie

Chiavi…

Serrature arrugginite,

scalfite dal tempo,

ma che non si apriranno mai,

neanche con la chiave giusta,

come se la password,

non fosse riconosciuta da un sistema guasto,

come se la chiave di violino,

fosse troppo pesante per il pentagramma,

come se il cuore fosse troppo gelido,

e non c’è possibilità di entrare,

ma solo di cadere,

in errore,

perché ormai le chiavi per quel cuore,

sono state tutte perse,

e chi prova a cercarle,

perderà anche quelle del suo…

Altri colori…

Pubblicato: 26 novembre 2008 in poesie

Altri colori…

Pelle,

specializzata per la quantità di luce,

che il sole ci trasmette,

più chiara,

più scura,

perseguitata,

sfruttata,

tatuata,

tagliata,

resa rossa dal sangue,

cuore,

dello stesso colore,

che batte,

allo stesso ritmo,

per milioni di persone,

anche diverse,

anche lontane,

c’è sempre qualcosa in comune,

di uguale,

anche se tu hai deciso di essere superiore…

Battaglie perse…

Pubblicato: 26 novembre 2008 in poesie

Battaglie perse…

Perché stai lì con la colla in mano?

Il vetro non tornerà mai più come prima,

sarà molto venato,

costringendoti a cambiarlo,

ricominciando,

da capo.

Come le vecchie del mio paese,

che vanno tutti i giorni in chiesa,

sperando in una redenzione che ormai non ci sarà,

troppi peccati,

troppi scheletri nell’armadio,

non si può lavare il passato con un po’ d’acqua santa,

e poi te e me,

anzi ormai solo te,

e me,

che cammino sul bordo di una vita che non mi vuole,

e per quanto possa essere grande il desiderio,

è inutile,

la passione a quanto pare non si arrende mai,

anche se è morta da tempo,

anche se non ce più niente dentro,

che possa alimentarla,

la dimensione della passione non basta,

se la battaglia è stata già persa,

tanto

tempo

fa

Tessuto…

Pubblicato: 25 novembre 2008 in poesie

Tessuto…

milioni di fili si intrecciano,

creando un tessuto di tempo,

i nostri fili,

le nostre vite,

creando un tessuto temporale,

di spazio,

e togliendo un filo,

tutto il tessuto si indebolisce,

perdendo consistenza,

anche se un filo si sfilaccia solamente,

non sarà mai più come prima,

non avrà la forza di sostenere chi salterà dall’ultimo piano,

per potersi salvare la vita…

Pieghe…

Pubblicato: 24 novembre 2008 in poesie

Pieghe…

Nel tempo e nello spazio,

come montagne,

altissime,

che bucano nuvole,

ma nelle valli lasciando infezioni,

profonde ferite,

dove scorre sangue,

ne buono ne cattivo,

creato da ricordi cattivi,

che si infilano tra le pieghe della nostra anima,

come il pugno virtuale e morale che ci ha piegato,

facendoci molto più male di uno reale…


Nonne-pusher
con sette nipoti

di Anna Maria Liguori

Due nonne romane spacciatrici di cocaina. Le donne, di 70 e 68 anni, sono state arrestate dai carabinieri, ieri in due distinte operazioni, con l´accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La donna di 70 anni, che con quest´ultimo ha collezionato nove arresti, riforniva i piccoli spacciatori del litorale.

L´anziana è stata sorpresa nella sua abitazione di Ostia, dove i carabinieri sono intervenuti con l´ausilio delle unità cinofile e di personale femminile dell´Arma. Tra gli effetti personali della nonna, i militari hanno trovato le dosi di cocaina e il denaro contante che è probabilmente provento dello spaccio.

A Tor Bella Monaca l´altro arresto. I carabinieri hanno colto in flagranza una 68enne nel suo appartamento mentre confezionava e preparava dosi di droga da spacciare. Si tratta di B. L., madre di 3 figli e nonna di 7 nipoti che «per arrotondare la pensione». come ha detto ai carabinieri, è diventata pusher.

Ieri sera, nel corso della quotidiana attività di controllo del territorio, i carabinieri hanno fatto irruzione nell´appartamento di via dell´Archeologia dove avevano notato un continuo via vai di giovani. Sul tavolo anche bilancini di precisione, frullatori per «tagliare» le dosi e 400 grammi di cocaina in un sacchetto sul tavolo della cucina.


Tenta di abusare di una 82enne

I Carabinieri, giunti nell’abitazione perché allertati al 112, sono riusciti a bloccarlo

Ci aveva provato già due volte negli ultimi mesi, ma la sua vittima, una donna di 82 anni, “per pudore”, non lo aveva denunciato, stavolta però un romano di 39 anni è stato arrestato dai carabinieri della Stazione Roma Appia per violenza sessuale aggravata.

L’uomo, già con precedenti specifici, ha cercato di abusare dell’anziana approfittando del fatto che era amico di un parente della donna. I carabinieri, giunti nell’abitazione della donna perchè allertati al 112, sono riusciti a bloccarlo. L’arrestato, che non ha un lavoro fisso e non è sposato, è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

ooohhhhh e giunti a questo punto…

Pubblicato: 23 novembre 2008 in diario

… basta decidere, ma decidere che cosa? quale ragazza, quale lavoro, quale banca, quale vestito? no loro dicono ora decidi tu… io? ma se per scegliere le scarpe ci metto 20 minuti e poi con tutti i profumi che sono in profumeria, alla fine non lo compro mai… e poi dovrei deciere io? a me il libero arbitrio mio sembra tanto una cazzata…. forse a volte è meglio ke ti dicono cosa fare, dove farlo, e come farlo, voglio dire, l’imbarazzo della scelta è un macello, e poi bisogna avere i mezzi che ti permettono di scegliere…. e voi siete sicuri di averli?…….

Cloni…

Pubblicato: 21 novembre 2008 in poesie

Cloni…

L’originale,

ormai non si sa qual è,

ha perso anche valore,

a volte il clone è migliore,

anche perché lui è da solo,

e prima o poi un clone migliore esce fuori,

sono le varie prove,

per raggiungere la verità,

magari per marketing,

perché il meglio arriva sempre per ultimo,

ma è il primo quello che vince,

perché i tuoi amici posso anche aspettarti,

ma il tempo non aspetta mai nessuno,

forse è per quello che l’originale vale di più,

perché nessuno ha mai dovuto aspettarlo….

Contro un vetro…

Pubblicato: 20 novembre 2008 in poesie

Contro un vetro…

Notte buia e senza regole,

la luce dello stereo mi illumina il viso,

mentre la strada corre veloce,

vedo il mio volto stanco,

ma non per la giornata trascorsa,

per la vita trascorsa,

per quello che viene dopo il mio riflesso,

sembra una televisione del passato,

ricordi perduti,

momenti passati,

bene,

male,

passati,

quando contro il vetro ci ho sbattuto,

o mi ci sono appoggiato aspettando un bacio,

oppure ho rotto per rabbia,

facendomi male,

e non solo alle mani,

aspettando il domani,

da troppo tempo…

Cassetti…

Pubblicato: 20 novembre 2008 in poesie

Cassetti…

Pieni di ricordi disordinati,

lettere di ex,

oggetti che non pensavi di avere,

che avevi comprato il giorno prima,

il passato che torna in forma solida, tangibile,

che possono darti suggerimenti sul futuro,

basta aprirli,

guardarci dentro,

e guardarti dentro,

dentro i cassetti della tua mente,

ma non quelli pieni di ricordi,

ma di sogni,

apri quelli,

e poi i traguardi già raggiunti,

la differenza rimarrà sempre alta,

non siamo mai quello che vogliamo,

anche se abbiamo riempito tutti i cassetti….

Trasparente…

Pubblicato: 19 novembre 2008 in poesie

Trasparente…

Come l’acqua e l’aria,

come i sogni intangibili,

inarrivabili,

che cambiano colore,

se li metti in una bottiglia colorata,

rimanendo puri,

anche se non lo sembrano più,

anche se fuori sono neri,

anche se dentro rimangono veri,

ma fuori sono diversi,

magari sentendosi persi,

ci si perde,

per raggiungere un luogo inesistente,

o che c’è solo dentro di noi,

e non si riesce a raggiungere,

dato che anche se siamo trasparenti,

non arriva luce da fuori,

e non si riesce a vedere la giusta strada…

Perdenti e vincenti…

Pubblicato: 18 novembre 2008 in poesie

Perdenti e vincenti…

Da che parte stai?

Sicuro che sia quella giusta?

Non sempre è un bene essere vincenti,

per quello che hai calpestato,

sogni infranti di altri,

per soddisfare il tuo,

piedi in faccia ad altri cadaveri,

per poter vivere bene,

a volte preferisco,

non vincere per non avere rimorsi,

preferisco stare dalla parte dei deboli,

piuttosto che ucciderli,

io non so se sono perdente o vincente,

ma so che non ho mai sensi di colpa….

Infinito…

Pubblicato: 18 novembre 2008 in poesie

Infinito…

Come il tempo e lo spazio,

la cui fine conosce solo dio,

dato che ne è stato l’inizio,

dimenticando tutto quello che è mio,

quando andrò via,

vedendo un orizzonte lontano,

raggiungendolo prima della fine della scia,

toccandolo con la mano,

ma venendone respinto,

l’infinito non è per gli uomini,

non possiamo vederlo neanche dipinto,

figurarsi toccarlo con le mani,

ma adesso sono arrivato alla fine,

e posso solo tornare indietro,

ma non riesco a passare sulle spine,

e sono bloccato nell’infinito…

Di nuovo qui…

Pubblicato: 17 novembre 2008 in poesie

Di nuovo qui…

Dopo tutto questo tempo,

mi ritrovo come un anno fa,

forse per ascoltare la folla,

ma è come se il tempo si fosse distratto,

e mi avesse ritrovato come prima,

come se un prestigiatore lo avesse distratto con una mano,

mentre faceva il trucco con l’altra,

la maggiore attrazione del circo,

anche più di acrobati o giocolieri,

perché è bravo a ingannare,

a illudere,

che esista un’alternativa alla realtà,

e che tutto questo tempo fosse stato solo un sogno,

se bello o un incubo non lo sapremo mai,

so solamente che sono di nuovo qui,

a guardare il prestigiatore…

Superficiale…

Pubblicato: 13 novembre 2008 in poesie

Superficiale…

Ho fatto molte cose,

suonato,

guidato,

giocato,

lavorato,

nuotato,

cantato,

scritto,

ma tutto superficialmente,

senza entrare nel profondo,

senza capire a fondo,

ma solo infarinature,

forse l’unica cosa in cui ho approfondito,

è l’amore,

anche se a volte ne ho dato senza riceverlo,

forse non sono così esperto come pensavo,

dato che alla fine in un modo o nell’altro,

sono sempre io quello che va a fondo…

Avanti…

Pubblicato: 12 novembre 2008 in poesie

Avanti…

Andando,

sempre,

e comunque,

senza mai pigiare il pedale al centro,

accelerando,

evitando ostacoli,

andando avanti,

con l’avanzamento veloce inserito,

per avere tutto e subito,

cadendo,

ferendosi,

alzando lo sguardo,

girandosi,

e capendo quello che avresti avuto,

se avessi rallentato…

Sensi…

Pubblicato: 12 novembre 2008 in poesie

Sensi…

Tutti i nostri sensi,

servono a qualcosa,

anche il sesto,

per capire senza toccare,

o vedere,

e quello di colpa,

che forse è utile come delle ali al contrario,

che volano solo verso il basso,

come dei bassi istinti,

che sentiamo pesanti,

che ci hanno guidato,

che sono i responsabili del senso di colpa,

e adesso siamo come un uccello senza ali….