Archivio per dicembre, 2009

Bilance…

Pubblicato: 30 dicembre 2009 in poesie

Bilance…

Quale piatto preferisci occupare,
quello con cui essere confrontato,
o quello della certezza?
Preferisci essere la pietra di paragone,
o il paragone?
La pietra appartiene al passato,
forse lontano quanto l’età della pietra,
o magari l’altro ieri,
avendo lasciato un solco profondissimo,
ma avendolo appunto lasciato,
adesso il confronto appartiene ad altri,
a farne spese e veci,
non tocca più a noi,
ma all’altro piatto della bilancia…

Annunci

Altri riflessi…

Pubblicato: 28 dicembre 2009 in poesie

Altri riflessi…
Tutte le volte che mi guardo,
lo specchio mi mente,
mi riproduce,
ma al contrario,
un gemello sottosopra,
perché gli occhi ,
sono nel posto sbagliato,
per vedere il viso,
quello che di noi regaliamo al mondo,
con cui lo sfidiamo,
condannati a non vederlo,
ad avere solo il giudizio degli atri,
sulla cosa più privata,
come quelle cose,
invisibili dall’interno,
che solo gli altri riescono a percepire,
senza distorsioni,
senza riflessi,
esattamente come noi vediamo gli altri…

Il giorno dopo…

Pubblicato: 27 dicembre 2009 in poesie

Il giorno dopo…

Dopo quel mal di testa,
quell’incidente,
quello immagini cruente,
cosa rimane?
Un ricordo,
brutto,
troppa birra,
troppa disattenzione,
e oggi diventa,
the day after,
si resetta tutto,
si ricomincia,
ancora,
dopo l’ennesimo errore,
forse capiremo,
forse no,
ma sarà l’ennesima esperienza,
pesante?
È giusto che lo sia,
altrimenti,
il giorno dopo,
sarà uno come tutti gli altri…

Troppo tardi…

Pubblicato: 19 dicembre 2009 in poesie

Troppo tardi…

Il viaggio è ancora lungo,
o spero che lo sia,
la radio suona una canzone che accende un ricordo,
che vorrei spegnere,
accelero per entrare in galleria,
per zittire la radio,
per cancellare,
ma la canzone continua,
nella mia testa,
ormai è troppo tardi,
è dentro di me,
come il passato,
tutto,
ogni,
fottuto,
secondo,
non posso fuggire,
perché è sempre dentro di me,
come il cuore,
e il cervello,
che spesso vanno in conflitto,
come succede al passato,
e al presente…

Quello che non mi uccide…

Pubblicato: 15 dicembre 2009 in poesie

Quello che non mi uccide…

Tutti i momenti,
in quella brevilinea di tempo,
legati tra loro da semplici secondi,
un scia di tempo,
che scorre verso cose che non ho ancora perso,
ma lui sa già che perderò,
come passare in quella bufera,
che taglia,
fa la mia anima a fette,
confondendola,
quello che non mi uccide,
mi rende più forte,
ma mi ferisce subito,
facendomi capire solamente,
che a volte è inutile lottare…

Assurdo…

Pubblicato: 10 dicembre 2009 in poesie

Assurdo…

Come gli orologi molli di Dalì,
o il suono che può avere la memoria,
il chiedersi se un paralitico preferisce avere le gambe o no,
se sono un peso,
o una flebile speranza,
come confrontarsi con uno specchio,
che raddoppia la stanza,
illudendo,
mentre urla tutto il suo silenzio,
Silenzio,
sottovalutato,
sopravvalutato,
una conoscenza che a volte è meglio non fare,
o non avere,
magari con dei medici,
che per cercare di salvarti,
ti avvicinano alla morte,
sempre più a fondo,
in quel sonno profondo,
che non regala neanche incubi,
ma un’angoscia infinita…

In un altro tempo…

Pubblicato: 7 dicembre 2009 in poesie

In un altro tempo…

Pochi anni,
unico pensiero?
La spensieratezza,
trascorsa in dei giorni di vacanza,
poi un brutta notizia,
poi smentita,
ma che ha lasciato un’ ombra,
diventata incubo,
una volta tornato,
che lasciava il posto,
a tante ,
troppe,
domande,
andare via da noi,
per cercare poi cosa?
Sogni?
Rivelandosi incubi,
sia per te,
che per noi tre,
ognuno con le sue angosce e paure,
con i suoi dubbi rimasti tali,
come le lacrime di quell’estate,
rimaste il mio ricordo più doloroso in assoluto,
perché il mio più grande eroe,
ci aveva tradito,
tutti e tre,
per inseguire un incubo,
che nonostante sia ormai passato un quarto di secolo,
non accenna a finire…