Archivio per aprile, 2010

Comparse…

Pubblicato: 30 aprile 2010 in poesie

Comparse…

Tutte quelle battute,
quelle lacrime finte,
portate un po’ dal vento,
un po’ dagli occhi,
un po’ dal suono,
di chi fa il lavoro sporco,
ma non gli viene riconosciuto,
se rompe un vetro con la testa,
o fa un incidente ad alta velocità,
è solo una pedina,
sacrificabile,
una distrazione dal paesaggio,
fugace,
anche se ha i suoi sogni,
che non contano nulla,
dato che rimarranno tali,
ma ancora con la capacità di farlo,
mentre il protagonista,
ha finito ogni stimolo,
dato che i suoi sogni,
sono “condannatamente” realtà…

D’altro canto…

Pubblicato: 22 aprile 2010 in poesie

D’altro canto…

Un remix di “Per Elisa”,
chissà cosa ne penserebbe Ludwig,
se si gira nella tomba,
o ci balla sotto,
se il nome che darà alla sostanza in cui è immerso,
sarà comunque fango,
anche se non è fatto di acqua e terra,
d’altro canto cosa può cambiare un nome?
Che ha significato solo per le nostre orecchie,
per il tempo in cui viviamo,
domani potrebbe essere diverso,
o indicare un’altra cosa,
cosa avrebbe pensato di quest’epoca,
di queste guerre in grande stile,
dei nomignoli affibbiati dai giornalisti,
dai termini usati con troppa leggerezza,
perché è vero che un nome molto spesso non significa nulla,
ma a volte è l’unica cosa che abbiamo…

Flash back…

Pubblicato: 12 aprile 2010 in poesie

Flash back…

Il tasto di rewind tenuto premuto,
anche se basterebbe rilasciarlo,
rivedere quelle scene al contrario,
che nonostante tutto hanno senso,
e il flash arriva fortissimo,
mi confonde qualche secondo,
e si arriva nel passato,
si spinge di nuovo play,
per vedere un video molto diverso dalla realtà,
basato solo su come noi abbiamo percepito il momento,
notevolmente falsato dalle sensazioni,
dagli odori,
dai colori che ogni persona vede in modo diverso,
alle tragedie provate sulla propria pelle,
non hanno lo stesso effetto su quelle degli altri,
i ricordi sono solamente i nostri,
e la possibilità di condividerli con gli altri,
è solo un illusione…