Archivio per gennaio, 2011

Limiti…

Pubblicato: 29 gennaio 2011 in poesie

 

Limiti…

 

Da qualche parte dovrai pur cominciare,

anzi ricominciare,

per l’,

ennesima,

volta,

reinventandoti,

accelerando,

senza sapere cosa fai,

l’ultima macchina era veramente vicina,

quella curva ha quel sapore cavalleresco di sfida,

ma si!

Mira sotto la cintura,

i limiti sono imposti per gli altri,

dettagli,

solo dei petali caduti,

utili solo alle formiche,

mica vorrai averle sulla coscienza?

Così però esageri,

potresti fornirgli troppo cibo,

quel passo,

non di danza,

non fa per te,

neanche la linea bianca che lo delimita,

cerca solo di conoscerti,

e non scambiarti per qualcun altro…

 

Pagliuzze…

Pubblicato: 25 gennaio 2011 in poesie

 

 

Pagliuzze…

Ed arriva quel momento,

quello in cui non capisci cosa hai negli occhi,

puoi consumare lo specchio quanto vuoi,

ma non lo capirai mai,

non riesci a vedere ne pagliuzza ne trave,

e neanche a pensare,

cerchi di capire a che livello è l’indicatore di felicità,

ma non riesci a vedere nemmeno la lancetta,

come quella che bucò il famoso costato,

versando un po’ di vino,

che cerca di dissetare tutto il mondo,

e in parte ci riesce,

ma non può pulirti la vista,

di tutti quegli orrori,

toccati alle persone,

che non sono riuscite ad assaporare quel vino…

Bersagli…

Pubblicato: 19 gennaio 2011 in poesie

 

 

Bersagli…

 

Un po’ trasparente,

un po’ macchiato dall’acqua,

in ogni caso quel vetro fa andare lo sguardo lontano,

in un’altra dimensione,

in un altro pensiero,

cercando qualsiasi cosa,

tranne il sole,

magari solo all’alba e al tramonto,

non capendone la differenza,

dato che quello che sta dicendo il sole,

è comunque un “ciao”,

e una volta che è arrivato al bersaglio,

scopre che i “punti “ non sono come quelli degli altri,

scopre con sconcerto,

che questi sono numeri “minuscoli”,

che anche se hanno lo stesso valore,

non hanno lo stesso senso,

la stessa gloria,

quando vengono colpiti,

che anche con un centro perfetto,

non varranno poco più che il bordo intorno…

 

0:00 01/01/2011

Pubblicato: 13 gennaio 2011 in poesie

 

 

Si ricomincia,

ancora,

come ogni anno,

guardando il presente,

il passato,

venendo sfiorati dalla memoria,

ma risucchiati dalla sua scia,

mentre passa,

sempre troppo velocemente,

mentre ci succhia anima e corpo,

senza storia,

con una gloria,

che fa parte solo di un’antica memoria,

con quella luce in bianco e nero,

che sa creare solo il passato,

lo crea e ne viene creata,

grazie a questo nuovo reset,

che ci porterà,

forse,

migliorie,

o lontano,

l’importante è vivere ogni giorno dell’anno,

come se fosse il primo,

come se fosse una novità…