Archivio per aprile, 2011

Stili di vita…

Pubblicato: 29 aprile 2011 in poesie

Stili di vita…

Ma si,

guardatemi pure,

scavatemi dentro,

ma tanto non troverete nulla,

lo saprò ben io,

che sono anni che cerco,

di diradare questa nebbia,

intrisa di sensi di colpa,

di occasioni neanche mai avute,

continuate pure a guardare,

anche se c’è poco da vedere,

ma sento comunque dell’invidia,

forse per il mio modo di vivere?

Il modo in cui tutto mi scivola addosso?

Lo ammetto ho degli anticorpi più grassi degli altri,

ma quanto tempo durerà?

Per quanto sarò il vostro fenomeno da baraccone?

Non lo so,

so solo che sono stanco,

di fare a pezzi il passato,

idealizzarlo,

a che serve?

Per vivere diversamente il presente?

Per pensare che se ho passato quelle cose,

nulla mi spaventa?

Bella domanda,

risponderò un giorno,

risponderò lo stesso giorno in cui,

non avrò memoria del mio passato…

Bastoni…

Pubblicato: 23 aprile 2011 in poesie

Bastoni…

Tutto il percorso fino alla fine,

magari claudicante,

magari mentre cerchi di capire,

l’incomprensibile,

finché,

insieme al tuo bastone di fuoco,

ti copri,

poi scatti verso il prossimo obiettivo,

inciampi,

un altro bastone di fuoco,

ti fa attraversare dal suo proiettile,

e usi il tuo per accompagnare l’ultimo passo,

l’ultimo respiro,

l’ultimo battito,

di questa breve e fugace vecchiaia,

mentre sopra di te,

la guerra continua…

Io vs me…

Pubblicato: 22 aprile 2011 in poesie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io vs me…

 

Dopo tutto questo tempo,

trascorso,

sto ancora cercando di capirmi,

cercando di capire la differenza tra “io” e “me”,

illludendomi ogni volta,

di averla capita,

sarebbe bello,

sarebbe la chiave di volta,

la vera svolta,

l’unica cosa necessaria,

il vero motivo per cui siamo qui,

che ci renderebbe liberi,

di essere,

io ,

me,

o magari entrambi…

 

legna…

Pubblicato: 20 aprile 2011 in poesie

legna…

Il coraggio non basta,

nemmeno gli anni passati insieme,

ad allenarsi ogni giorno,

affrontando i pericoli insieme,

ma quale pericolo?

Insieme il pericolo non esiste,

ma nemmeno il rischio,

nemmeno un motivo,

per dare un’altra scintilla,

per mantenere il fuoco acceso,

c’è solo la brace,

che è quella che ci permette di cuocere,

di mangiare,

magari poco,

magari sempre lo stesso,

ma ci scalda,

quando poi un forte incendio ci attrae,

magari solo per il gusto di provare a domarlo,

e una volta che lo abbiamo fatto nostro,

ridurlo alla brace,

e poi in cenere,

perché non siamo riusciti a mantenerlo acceso,

come il fuoco che ci faceva mangiare….

Battiti dell’anima…

Pubblicato: 19 aprile 2011 in poesie

Battiti dell’anima…

Candendo da un passo all’altro,

non è un semplice camminare,

è una cadenza,

come un ritmo,

in eco con la natura,

che senso ha questa musica?

Che senso ha questa natura esagerata?

Se non la possiamo cogliere come vorremmo?

Se non basta camminarci in mezzo,

lo so che non si può capire tutto,

ma almeno intuirlo,

almeno capire quello che gli occhi vedono,

che i sensi sentono,

che gli uccelli cantano,

che il mondo ci prepara,

ci separa,

magari dalla fatica,

del cadere in quei passi,

in quei tramonti,

mentre ti aiuta a riconoscere quei suoni,

mentre ti disegna la striscia,

su cui far cadere i passi…

Amnesie…

Pubblicato: 19 aprile 2011 in poesie

 

Amnesie…

 

Lo so molto meglio di quello che pensi,

che spesso l’universo,

si dimentica di te,

come se fossi materia oscura,

invisibile,

le tue domande,

hanno lo stesso suono di un respiro sommesso,

mentre cerchi di ricordare,

qualsiasi cosa,

ma perfino la tua memoria si è dimenticata di te,

e quando ti chiedono “come stai?”,

prima di rispondere guardi fuori dalla finestra,

per cercare cosa?

Forse un po’ di verità dal sole?

L’unica cosa rimasta vera,

perché è troppo lontana,

e non possiamo toccarla,

contaminarla,

accettiamo la sua luce come fosse una fede,

aspettandoci che sia così per sempre,

consapevoli che ci sono le nuvole,

ma sperando di non vederle piangere,

facendo finta di dimenticarle,

forse solo per rendere il favore all’universo…

I percorsi della luce…

Pubblicato: 18 aprile 2011 in poesie

 

I percorsi della luce…

 

Cosa c’è nella luce?

Cosa porta con se dopo quegli otto minuti,

o miliardi di anni,

rimbalzando,

surfando da una stella all’atra,

portando con se luci e ombre,

pianeti alieni e terresti,

finché non sbatte qui,

sulle foglie e sulle case,

per rimbalzare ancora,

e creando altre ombre,

insieme a quelle che già portava con se,

aggiungendo buio,

anche se si porta la luce,

portando tristezza,

insieme alla gioia…

Errori di stampa…

Pubblicato: 14 aprile 2011 in poesie

 

Errori di stampa…

 

Si lo ammetto,

spesso,

troppo spesso ,

ne faccio molti,

forse più a causa della pigrizia che della passione,

forse il vero male del mondo è la pigrizia,

a volte a causa di essa si scatenano guerre,

non si scava a fondo,

si volta la testa dall’altra parte,

o più semplicemente non si rilegge,

è solo una questione di gradi il peccato è sempre lo stesso,

sempre lo stesso errore,

come tutte le volte che non ho messo uno spazio,

o magari scritto una cosa che non pensavo,

magari solo per cercare una rima,

solo per la gloria,

di cominciare un’altra storia,

magari scrivendo un’altra bugia,

che come sempre porta,

sempre nello stesso vicolo cieco…

 

Ideali…

Pubblicato: 12 aprile 2011 in poesie

 

Ideali…

 

In tutto quello che viene da dentro,

in ogni corrente di pensiero,

in cui a volte basta mettere una mano,

per esserne travolti,

per essere trasportati ovunque nella storia,

poi si perde energia,

voglia,

e ci si ritrova con l’ideale su una maglietta,

ma solo lì,

nella testa non c’è posto,

la storia non può competere con la moda,

soprattutto se non sono le nostre radici,

che hanno portato questa linfa alle foglie,

travolte dalla corrente di pensiero,

che cercano di capire dove stanno per andare,

mentre cercano di leggersi addosso,

cercando di ricordare,

quali ideali le hanno fatte nascere…

 

In un solo giorno …

Pubblicato: 12 aprile 2011 in poesie

In un solo giorno …

E mentre evito ostacoli,

come fossero domande scomode,

cerco solo di essere,

adatto,

degno,

di questa vita,

e di tutte quelle che mi sfiorano,

o fioriscono,

chiedendosi,

se ne vale la pena,

di arrivare ancora alla fine di questa giornata,

forse la prima e l’ultima,

e tutto questo solo perché,

ho delle ali per volare,

ma sono fragile,

il mio volo è a tempo,

e anche se sono così giovane sono già stanco,

e anche se assaporo questo fiore,

sento che c’è qualcosa che non va,

come se fosse tutto troppo accelerato,

e mentre sfido una lucertola,

cambiando semplicemente quota,

sento che serve comunque a poco,

che ore,

minuti,

e secondi,

sono contati con precisione maniacale,

e mentre mi poso per l’ultima volta,

penso all’ironia del mio nome,

“effimera”

Mentre mi preparo,

a sfamare quella lucertola…

Al tramonto…

Pubblicato: 11 aprile 2011 in poesie

 

Al tramonto…

 

I piedi poggiati sulla ringhiera,

occhiali da sole per apprezzarlo meglio,

un bicchiere,

pieno solo di vita,

e lo spettacolo del sole,

che mi scalda,

sempre di meno a dire la verità,

l’ultimo albero rimasto su quella montagna,

devia la luce,

fino al lago sottostante,

ma è solo una questione di tempo,

solo un prolungare di agonia,

solo un preparare tutto per il pezzo forte,

per il raggio verde,

che ci aspetta,

che scivola da un albero all’altro,

regalando un po’ di colore,

un po’ di sogni verdi,

un po’ di attese inutili,

tutto solo fino al buio,

che aspetta l’ultimo sole,

lo rapisce per qualche ora,

finché non risorge,

finché non ricomincia a dispensare vita…

 

Il compagno di viaggio…

Pubblicato: 7 aprile 2011 in poesie

 

Il compagno di viaggio…

 

Va bene,

se vuoi fendere l’aria fallo pure,

se pensi che le tue ali,

siano abbastanza adatte per farlo,

se vuoi sfidare quell’aereo,

fallo pure,

poi mi dirai come è andata,

io ti aspetterò qui,

come sempre,

caro vento,

non fare troppo tardi,

o troppo male all’aria,

o all’aereo,

che sostieni&inganni,

fino alla prossima nuvola,

illudendolo di poterci arrivare,

ma tu le puoi spostare a piacimento,

in fondo se fai tre passi verso l’orizzonte,

l’orizzonte si allontana di tre passi,

invece nel tuo caso,

è l’orizzonte che viene da te…

 

Sosia…

Pubblicato: 5 aprile 2011 in poesie

 

Sosia…

E vivo in questo mondo fatto di sosia,

sosia di te,

ti rivedo in ogni volto,

in ogni parola,

in ogni sguardo,

in attesa,

ad ogni mio traguardo,

mentre aspetti non so cosa,

se una disfatta,

o un’incredibile vittoria,

dopo una dura lotta,

l’unica cosa in grado di dargli sapore,

di renderla mia,

sentita,

mentre guardo dentro me stesso,

e anche lì vedo quel volto,

quel volto fatto di infinto&nulla,

di fuoco e ghiaccio,

di big e di bang,

e dopo questo viaggio nell’universo,

mi accorgo che il volto è il mio,

solo riguardandolo,

dopo questo viaggio,

ho il coraggio di ammetterlo,

se lo avessi capito prima,

di essere il sosia di me stesso,

non avrei dovuto fare questo viaggio,

ma non avrei nemmeno capito,

il senso della somiglianza a me stesso…

Scambi di dolore…

Pubblicato: 4 aprile 2011 in poesie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scambi di dolore…

Ho scoperto che alla fine è vero,

il tempo è un ottimo dottore per l’anima,

cancellando i ricordi,

cancellando magari i nomi,

e lasciando spazio solo al dolore,

per farlo stare comodo,

magari vicino al finestrino,

senza magari conoscerne l’origine,

senza ricordare i nomi,

ricordando in modo molto vago,

il volto,

sporco o pulito,

per la memoria un volto vale l’altro,

l’importante è la sensazione che si prova,

il volto,

la persona che ne è la causa,

è un dettaglio,

solo un’altra illusione del tempo,

solo la voglia di dare la colpa a qualcuno,

che non siamo noi stessi,

solo la voglia di dare un volto innocente,

alla colpa delle nostre paure…

Vorrei…

Pubblicato: 1 aprile 2011 in poesie

 

Vorrei…

 

Vorrei uccidere me stesso,

ma solamente per uccidere le lacrime,

le mie e degli altri,

solo per non vedere e subire,

sofferenza,

indifferenza,

il suono di una lacrima che cade,

schiantandosi contro la realtà,

che a tratti è fatta di buio,

come quando si è in galleria,

più si va veloce,

e più si vede la luce,

ma a volte bisogna rallentare,

e arriva il buio,

atteso?

Forse,

forse spegniamo noi stessi ogni tanto la luce,

una si ed una no,

giusto per rimanere sulla corda,

per uscire dai riflettori,

dal radar,

guidando più piano degli altri,

mentre azioniamo lo schizzo che pulisce il vetro,

per confondere le lacrime che inondano il viso…

Rinascita…

Pubblicato: 1 aprile 2011 in poesie

Il respiro,

quello con cui sentivo il tuo profumo,

e mi dava la possibilità di ascoltarti,

di asciugare le tue lacrime,

stava venendo meno,

anche il tuo,

purtroppo,

non basterebbe giove,

ricoperto solo di lacrime,

per far capire la quantità,

di questa sofferenza,

verso di me e di te,

poi quelle vite,

che dopo essersi incrociate,

si  uniscono,

diventando una sola,

solo la mia,

mi hai ridato il respiro,

mi hai fatto riascoltare l’estate,

il profumo,

di ogni stagione,

e adesso io,

anzi noi,

cerco ogni giorno di meritare questo dono,

grazie a te che mi hai fatto rinascere,

e che mi hai donato un pezzo della tua anima…