Archivio per maggio, 2011

Altre strade…

Pubblicato: 31 maggio 2011 in poesie

 

Altre strade…

 

Quella strada è ancora chiusa,

eppure la stagione delle piogge è passata da tempo,

ma purtroppo,

sono ancora costretto a deviare,

a usare altre strade,

che aspettavano solo la loro occasione,

solo di essere asfaltate,

conosciute,

percorse,

valorizzate,

ma non è sempre il momento adatto,

non basta aspettare che qualcuno metta una freccia,

e morda con le gomme un nuovo asfalto,

bisogna guidarlo,

dargli un motivo,

magari manomettergli il navigatore,

strappargli la mappa,

fargli godere di un altro viaggio,

altri alberi,

nuove nuvole,

è vero,

il fine,

la meta è sempre la stessa,

devi solo chiederti,

se i mezzi usati,

sono stati giusti…

Annunci

Un’altra alba…

Pubblicato: 29 maggio 2011 in poesie

 

Un’altra alba…

 

L’alba urla il suo buongiorno,

squarcia il cielo con il suo vermiglio,

tramortendo la notte,

finché non subirà la stessa sorte,

finche si supererà l’equilibrio tra luce e buio,

a favore di un altro tipo di luce,

ma adesso è tempo di luce e fuoco,

di una luce talmente forte,

che crea anche un suono,

come se ci fosse qualcosa che frigge,

che esplode,

che si scontra col vento,

creando  caos,

e nel contempo vita,

senza nessuna fretta,

in fondo cosa sono qualche milione di anni?

Solo somma di giorni,

solo tempo,

solo un inseguirsi di albe e tramonti,

e quanto uno dei due raggiungerà l’atro,

sarà veramente una nuova alba…

Senza lettere…

Pubblicato: 26 maggio 2011 in poesie

Senza lettere…

Ci sono regole non scritte sulla carta,
fragile,
impresse nell’anima,
marchiate come vacche da macello,
“all’alba vincerò”,
loro si accontenterebbero di arrivarci,
sarebbe già una grande vittoria,
una speranza,
come quella che può dare un super eroe,
paradossalmente di più quella che può dare un dio,
perché non viene imposta,
anzi viene richiesta,
compresa,
come comprendere che numeri e colori hanno molto in comune,
uno e due,
verde chiaro o verde scuro,
sono divisi dalla stessa cosa,
l’infinto,
che solo senza lettere si può descrivere,
i numeri sono per definizione finiti,
forse l’unico che può comprendere l’infinito,
è l’istinto…

Protagonisti…

Pubblicato: 22 maggio 2011 in poesie

Protagonisti…

Arriva di nuovo,

puntuale come le tasse,

quel ricordo che mi rincorre,

perseguita,

mentre cerco di essere ancora uomo,

in quel giorno fatto di favola e nuvole,

di pianti spenti e poi accesi,

di frasi non dette,

solo perché non c’è n’era bisogno,

con unici protagonisti del nostro film,

gli unici attori,

protagonisti e comparse,

mentre vedevamo il mondo cambiare,

ma senza paura,

dato che noi non saremmo cambiati mai,

 l’uno per l’atra,

sempre presenti,

illudendoci”

il ricordo è passato come una malattia stagionale,

come l’allergia al polline,

mentre cerco di dimenticare,

che solo in quei giorni,

mi sentivo protagonista della mia vita,

mentre cerco di dimenticare,

che la bambina che era in me,

è morta con quei ricordi…

Un altro bar…

Pubblicato: 20 maggio 2011 in poesie

Un altro bar…

Eccomi di nuovo,

con poche idee in testa,

confuse,

mentre quest’altro bar,

mi guarda col la faccia stupita,

incredula,

lo so che sono astemio,

ma cerco solo di imitare,

la contraddizione del mondo,

lo so da me che non tutto ha un motivo,

ma almeno un senso lo deve avere,

fino al prossimo bicchiere,

di passato & vita,

forse è per quello che è così forte,

e amaro,

lo so che mi sto perdendo in chiacchiere,

ma cerco di rimandare,

questo sorso,

che sa di sconfitta,

di notti insonni,

di sogni infranti,

forse la allungo con un po’ d’acqua,

ma la pillola non sarà più dolce,

avrà solo un sapore diverso,

come le facce della vita…

Inadeguato…

Pubblicato: 14 maggio 2011 in poesie

Inadeguato…

… e dopo tutta questa strada arrivo qui,

mentre gli eletti mi sovrastano,

con i loro colori,

che sanno più di quanto traspare,

sanno anche che forma ha il nero,

e io sono qui,

inadeguato,

con un volto che solo il viaggio chiamato tempo,

può regalare,

cerco di ascoltare il vento,

ma non sono un prescelto,

no sono stato neanche scelto,

capisco e scrivo solo quello che vedo,

solo la pazienza certosina,

nell’intrecciare,

nell’appendere,

nel tingere,

e mi rialzo,

forse adesso mi sento un po’ più unito,

a me stesso,

al mondo,

più adeguato,

gli eletti hanno fatto questo miracolo,

e finalmente anche io posso dire,

che l’importante è il viaggio non dove andrò…

Fioretti…

Pubblicato: 10 maggio 2011 in poesie

Fioretti…

Lo so che a volte non basta,

un mese senza pane e pasta,

senza il mare,

per onorare una promessa,

fatta forse più a noi stessi,

che a qualcosa di più alto,

magari per metterci alla prova,

per punirci un po’,

magari pensiamo di meritarlo,

o pensiamo di essere troppo felici,

o magari è solo il sottile gusto,

di perdere un’abitudine,

per poi riprenderla,

per ricaderci,

per stare un po’ sulla corda,

per essere un po’ equilibristi,

per vedere magari solo se riusciamo ad arrivare dall’altra parte,

magari solo per vedere se riusciamo a camminare anche senza terra…