Archivio per gennaio, 2012

Segni…

Pubblicato: 31 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Segni…

L’ombra del guard rail

Diventa la mia traiettoria

Ideale

Come fosse un suggerimento

Un video game

La verità è fatta di vernice?

O di buio?

Non lo so

Ma forse è da questi piccoli segni

Dal sorriso di un bambino

Da una decisione giusta

Da vita per vita

Chi decide?

Dio?

È perché non Zeus?

O Budda?

Chi ha ragione?

Chi ha lasciato questi segni?

Per insegnarci cosa?

Non lo so

Io sono bravo solo a fare le domande

Per le risposte dovete guardare in altro

O dentro di voi…

Le mie scelte…

Pubblicato: 28 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , ,

Le mie scelte…

Si lo so

Sembra facile essere me

Perché mi scivola tutto addosso

È come un pugno che si ritrova a mordere l’aria

Dove poco  prima c’èra un volto

Sembra facile

Sembra

Ma certi livelli

Si raggiungono solo dopo molto allenamento

Molto sudore

Sofferenza

Lacrime & sangue

Forse è per quello,

per via dell’allenamento

che non mi pento mai delle mie scelte

in fondo ci sono già passato

nonostante io sia giovane

anche se mi chiamano tutti “signore”

o magari lo fanno per i modi

per il mio aplomb

in fondo la rabbia genera solo rabbia

e ogni nostra scelta

un’evoluzione…

A occhi aperti…

Pubblicato: 28 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

A occhi aperti…

Altri cinque minuti

Non mi svegliare ancora

Questo sogno

È troppo bello anche per essere un sogno

Perché in quegli occhi fatti uno  di mare

E uno di cielo

Riesco a vedere la verità

Riesco a capire

NO!

Sveglia non lo fare…

…ma cosa succede?

Il sogno continua

Adesso sono dentro ai tuoi occhi

E tu dentro di me

Tra sangue e nervi

Ti porto sempre lì

Tra cuore e polmoni

Respiro e battito

Il senso?

Il motivo?

Non li conosco

“non so chi lo ha deciso”

Ma questo sogno a occhi aperti

Voglio che duri per sempre

Ecco perché

non dormirò mai più…

Niente è eterno…

Pubblicato: 26 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Niente è eterno…

il tempo è fatto di secondi che si inseguono

l’amore di sogni che diventano solidi

che aspettano

che ti guardano mentre pensi

che si trasformano in rete di salvataggio

basterà?

non lo sai mai nessuno..

in fondo l’elastico fa quello che può

questo bungee jumping….

dureràà per sempre?

non lo sa nessuno..

non ho grandi esempi in fondo..

i miei

quello che ho intorno quello che vedo…

e cosa ho di diverso io?

nulla..solo più tempo…

pazienza..

visione di gioco?

o punto di vista diverso… da così in alto che vedo il futuro…

da così in alto che mi posso buttare ancora…

ma forse l’elastico

questa volta..non basterà…

Sorprese…

Pubblicato: 25 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Sorprese…

Ebbene si,

sono ancora qui

lo so che non lo avresti mai pensato

non credevi che io potessi mai vincere

infatti non ho vinto

mi sono adattato

cambiato

trasformato

concreto?

Pragmatico?

…No, quello no…

Ma ho imparato a fingere bene

A capire

Senza farmi capire

Riesco a sorprendere ancora

Nonostante la strada sia la stessa

Da troppo tempo ormai

Forse perché la strada è la stessa

Ma chi la frequenta no

È cresciuto

Poi ogni tanto attraversa un cinghiale

Se lo prendi ottieni solo la macchina rotta

E allora cerchiamo di evitare ogni strada difficile

Pericolosa…

…ma noiosa

Ne vale la pena?

Non lo so

Non so che sorpresa troverò

Dopo quella curva

Ma so come la affronterò

Cinghiale o no…

Legno…

Pubblicato: 23 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Legno…

Forse la croce non era poi così d’accordo

A sopportare il peso dei nostri nomi

Il solco che forse l’acqua ha già pulito molte volte

Con quella promessa

Con tutto il peso che ha

Come ogni promessa che si rispetti

In fondo la croce ha sopportato pesi molto maggiori

Ha visto molti uomini

Molti secoli

È vecchia quanto la natura

In fondo indifesa

Forse perché siamo troppo forti

In fondo non lo ha deciso il legno di essere tagliato

Scavato

Da due falegnami molto dilettanti

Non c’è mai pace

Neanche dopo la fine

Dentro puoi essere

rosso

Verde

Marrone

Ma anche dopo la fine continuerai a soffrire

Le tue opinioni resteranno solo tali

È vero…con qualcosa dobbiamo nutrirci

È naturale….

Ma alla fine…toccherà a noi essere la portata principale

Ma tra un pasto e l’altro

Adesso so di nuovo

Che c’è chi mi proteggerà…

Di mattina…

Pubblicato: 22 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Di mattina…

Si, è vero

Scrivere di sera è sempre un piacere

ma farlo la mattina è un dovere

è una resa dei conti con i sogni

con i ricordi

in quel momento mi sento estraneo perfino a me stesso

 ma non importa se il destino si distrae sempre

prima o poi mi vedrà

anche perché non mi piace urlare

farmi notare

anonimo

si, in quel momento me ne rendo conto

ogni lacrima ha un peso diverso

un tonfo diverso

come delle lettere che cadono in un universo di parole

ma le parole sono labili

l’unica nostra sicurezza sono i numeri

immobili come montagne

sicuri come il passato

ma io non sono un numero

e probabilmente è per questo

che il destino non ha fiducia in me

fa finta di non vedermi

come se fossi l’amico che nessuno vorrebbe…

Sfera sporca…

Pubblicato: 18 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , ,

Sfera sporca…

Lo so

Potrei farci chilometri

Potrei fare un matrimonio con la carta

Che neanche i reali d’inghilterra

Ma…mi va stretto

Questo tempo rinchiuso nel ferro

Non è abbastanza

Lo so che è un tempo nero

E liquido

Ma è troppo poco

E la carta è come se cercasse di non sporcarsi

Di non voler accogliere quel tempo

Allora forse è meglio uno schermo

Fatto di luce

Una schermo che sta molto in altro

Che usa come led le stelle

O il sole

Perché a volte non è importante il mezzo

ma il viaggio che si fa…

Stanco…

Pubblicato: 18 gennaio 2012 in poesie
Tag:, ,

Stanco…

Lo so che mi sono appena svegliato

Ma in fondo non è colpa del sogno

colpa del mondo?

Le stesse notizie

Le stesse ferite ogni giorno

Senza garze

nessuna soluzione di cura

ma voglio essere curioso anche oggi

vedere se qualcosa è cambiato

se il sole è ancora al suo posto

ormai non posso nemmeno più chiamarla delusione

consapevolezza

è questo il termine con la taglia sulla testa

ormai non mi posso nemmeno definire stanco

di sentire le stesse cose

le stesse voci

ormai sono rassegnato

un po’ come

chi guarda lo stesso canale per tutta la vita….

Tatuaggi…

Pubblicato: 17 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Tatuaggi…

L’inchiostro

Ha appena finito di raccontare una storia

Di far vivere un disegno

Si è mischiato col sangue

Scambiandosi colore e tempo

Non sapendo quando si fermerà

Scendendo

Conosce bene il suo obiettivo

Sa che dovrà mordere l’anima

Anche se non ha più l’aiuto dell’ago

continua a scendere

come fosse petrolio al contrario

come lava fusa scende

andando ad aumentare la pressione

in un punto in cui c’è ne anche troppa

il punto di equilibrio della nostra anima…

La mia verità…

Pubblicato: 16 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

La mia verità…

Come dici?

Si le tolgo le lenti da sole,

non ho paura di guardarti negli occhi

non mi spaventa la nostra stella

pensi che la verità possa farlo?

Ora però non abbassare lo sguardo

Non farti dubbi che non è giusto che siano al mondo

Come se fossi un genitore illegittimo

Ora sfida le mie pupille e dillo ancora

Sfida i miei sensi

E la tua voce

Feriscimi con la verità

Sopravviverò

Più forte

Una cicatrice in più…

…una in meno cosa cambia?

In fondo i rugbysti sono fieri di ogni cicatrice

Perché non posso esserlo delle mie?

Cosa cambia?

Posso solo trarne vantaggi

Esperienza

E aspetterò cercando

La mia verità…

Tre per zero…

Pubblicato: 13 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Tre per zero…

Ogni volta che mi trovo a fare i conti col passato

I conti non ritornano mai…

…ci rimetto sempre

Come se moltiplico tre mele per zero

Magicamente spariscono

Lo so che è una convenzione matematica

E che se io non ci trovo un senso

Non è detto che non lo abbia

In fondo non sono mai stato un genio

Magari se me lo spiegate come a un bambino di tre anni

…Non capirei comunque…

Allora perché questo passato

È più difficile di ogni equazione?

Non lo so le mie nozioni di matematica

Si fermano ai bastoncini dell’asilo

Ai primi passi incerti nel passato

Che forse si chiama così perché è fatto di passi

O di saltelli del gioco della campana

Dove ogni passo

Doveva corrispondere a un numero…


All’alba nella via…

Me la ricordo bene quella notte

Anche se era una notte come tante

Come troppe,

eravamo io e la strada

ne molta ne poca in verità

le spalle si facevano domande

senza risposta

stava finendo la notte o cominciando il giorno?

Bella domanda

Quanta strada devo fare per scoprirlo?

Quante vie devo battere?

Se lo avessi saputo lo avrei già fatto da tempo

Ma ora non sarei per strada

E non avrei con me il brivido della ricerca

Certo non lo posso fare per sempre

Prima o poi finirà la benzina

E dovrò riposarmi

Da solo?

domanda ancora meglio di quella di prima

un dettaglio?

Mica tanto trascurabile…

Nel frattempo la strada è sempre di meno

Non si tratta di meta

Si tratta di viaggio

Si tratta di non avere tempo

Di non avere strada

Di aspettare l’alba…

Difettosi…

Pubblicato: 11 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Difettosi…

Ci sono progetti immensi

Troppo grandi per essere visti con due soli occhi

Forse con occhi generati da altri occhi

Forse,

all’inizio il progetto sembrava perfetto

lineare

non c’èra bisogno di altri occhi

dato che da quell’altezza poteva vedere perfino il futuro

nulla da dire

anche se a volte

 l’ombra si nasconde

alla ricerca del difetto

seek and destroy

sapendo che dentro di noi è comunque buio

ed è subito lì

per accrescere i nostri difetti

che non erano evidenti all’inizio

adesso si vedono solo quelli

spesso ci si basa la nostra vita

usati come leva

per sollevarci dalle responsabilità

per far emergere le nostre verità

o anche semplicemente

per rendere il mondo un posto peggiore

forse il progetto

non era così perfetto

forse era meglio

tenere lo scontrino…

Con gli occhi asciutti…

Pubblicato: 9 gennaio 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Con gli occhi asciutti…

…pensare che credevo che il viaggio fosse finito

Invece era solo una tappa diversa

Educativa

Una tappa che ha fatto uscire molte lacrime

Forse troppe

Forse tutte

La luce in quel momento era troppo forte

Tanto che continuo a vederla

adesso è come vivere un sogno

è come se quel calore continuasse

tanto da non poter tenere gli occhi umidi

per sempre asciutti

per sempre secchi

tanto da non riuscire a piangere ancora

adesso è tutto diverso

adesso

vedo

prima ero cieco

anche se gli occhi non mi facevano male…

Armi fragili…

Pubblicato: 4 gennaio 2012 in poesie

Armi fragili…

Ho solo questa fantasia fragile

Per combattere contro la dura realtà

Il risultato dello scontro sembra già annunciato

I bookmakers mi hanno dato un milione a uno

Se dovessi vincere i loro figli mi maledirebbero

Chi me lo fa fare?

Che senso ha tenere duro

Con questa spada di vetro?

L’affronto diretto è infattibile

Allora aspetto

Speranzoso

Al limite vado in un posto migliore

Vinco prescindere

Magari pareggio

Arrivano due fendenti

Che non posso far altro che evitare

La rude signora attacca di nuovo

Ma il muro mi salva regalano un po’ di scintille

Provo a sovvertire le previsioni dei bookmakers

La mia spada morde l’aria

Ed anche una spada durissima

Infrangendosi come un sogno al risveglio

Ma i pezzi trafiggono quel duro corpo

Come fossero mille aghi

La bella(?) signora urla si inginocchia

il vetro conficcato porta la luce dove non era mai stata

illuminando la realtà di fantasia

mi spiace per i figli dei bookmakers

ma almeno così sapranno cosa è un bel sogno…

Senza macchia…

Pubblicato: 2 gennaio 2012 in poesie

Senza macchia…

Si…dovrei averlo da qualche parte

cercalo in quel cassetto

 il mio curriculum

…a non intendevi quello…

Intendevi altre conquiste

Beh ho l’armatura in carrozzeria

e poi a lavare

cuori sulla coscienza?

Qualcuno

Ma anche il mio fa parte

Di qualche coscienza

Con cosa stanno lavando l’armatura?

Ovvio lacrime

Ne servono molte

Il mare non basterebbe a contenerle

Si…ho pianto e fatto piangere

Ma in fondo fa tutto parte del gioco

In fondo le macchie si lavano

 insieme alla coscienza…..

La mia musa…

Pubblicato: 2 gennaio 2012 in poesie

La mia musa…

Leopardi,Leonardo o Dante

sarebbero invidiosissimi

i loro punti fermi avevano bisogno di molto talento

per descriverle al meglio

per trasformare i pensieri in parole

i sogni, in dettagli

invece per me è tutto facile

mi basta dire come sei

mi basta dire cosa vedo nei tuoi occhi

ne tuo sorriso

il ritmo del tuo respiro

del tuo cuore

mi basta descrivere ogni tuo gesto

parola

mi basta dire il tuo nome

è esso stesso poesia

ma in questo caso

egoisticamente

 non lo farò

dato che voglio che le tue poesie

siano solo per me…

Un nuovo inizio…

Pubblicato: 2 gennaio 2012 in poesie

Un nuovo inizio…

Trecentosessantacinque pagine

sono appena finite nell’archivio del tempo

Trecentosessantacinque pagine, belle, brutte

Non lo so

La sensazione che si prova a fine anno

 è sempre quella di aver lasciato qualcosa in sospeso

di intentato

ma il mio fianco è già pronto

lo sa già che il tuo sarà lì

che le prossime trecentosessantasei pagine

le scriveremo insieme

e che questo libro

grazie al tuo modo di essere

sarà venduto anche su marte

e che nessun nuovo inizio

sarà mai bello come questo…