Archivio per dicembre, 2012

Bottiglia d’aria…

Pubblicato: 18 dicembre 2012 in poesie
Tag:, , ,

Bottiglia d’aria…

Il vento è fatto apposta

Solleva dubbi

Con la stessa capacità che ha di farlo con la polvere

In fondo entrambi fanno lacrimare

Per difesa

Emotiva o immunitaria

Che importa?

Le guance sono comunque bagnate

Marchiate

Acqua o fuoco è indifferente

Il dolore è il medesimo

Guardo lontano

Perché mi manca il coraggio di guardami intorno

Infedele?

Chissà cosa ne penserebbe Dio…

Non lo so in cosa credo

O se la fiducia riposta in me sia ben riposta

Ma torna questo vento

A cui regalo un messaggio in bottiglia d’aria

Per poter raggiungere più facilmente

La persona che saprà leggerlo…

Good News…

Pubblicato: 14 dicembre 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Good News…

Voglio essere

Novità per te

Ogni giorno

Quel sapore sempre nuovo

Quel profumo ansioso di imprevisto

In fondo il passato non ha mai avuto un odore troppo invitante

Allora cerco di costruirti un nuovo presente ogni giorno

Un nuovo regalo in ogni alba

La tua buona notizia, Natale 365 giorni l’anno

A volte più caldo a volte più freddo

Si, anche più freddo dell’inverno

Ma ogni giorno

Diverso

Nuovo

Sarò qui

A costo di cancellare ogni volta il ricordo

Che hai di me

Anche se devo ricominciare da capo

Nonostante debba presentarmi ogni volta

In modo diverso

In modo da essere

Sempre e solo quello che vuoi tu

come se dovessi morire e rinascere ogni giorno

Un luogo che conosco…

Pubblicato: 13 dicembre 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Un luogo che conosco…

Ogni stagione ha il suo ritmo

bisogna solo capire qual’è

l’estate mi piace

ma l’ultima è stata un po’ stonata

hai mille volti

lo so che sono tutti veri

ma a volte non riesco a seguirti

il punto

è che non vorrei che tu restassi

ma che mi insegnassi a non fuggire

e tu dirai

“ma stai sempre fermo”

il corpo è solo il contenitore della mia mente

che non c’è mai

è in ogni parte del cosmo

ed in nessuna

vorrei restare

ma poi vedo le direzioni del mondo

e non so più dove sono

come faccio a restare in un posto sconosciuto?

Forse serve

un punto fermo

una luce

un faro

un luogo che conosco

un luogo da cui imparare

il mio posto speciale

io non mi sono mai conosciuto a fondo

ma tu sembri farlo per entrambi

conosci il luogo

forse perchè il mio luogo speciale

ha il tuo profumo…

Ordine..

Pubblicato: 7 dicembre 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

Ordine..

Non sono mai stato ordinato

forse è per questo che ho perso anche te

ci faccio i conti ogni giorno

scarsa organizzazione

zero pianificazione

dita incrociatissime

dubbi che sgorgano come da una sorgente

come da una stella

sgorga la luce

come da un occhio le lacrime….

basterebbe poco per cambiare

o non basterebbe il mondo

so che alla fine

l’ultima parola sarà solo la tua

quella che mi renderà ordinato

mentre proclamerai ordini

ma mentre ti domanderai cosa farmi fare

per farmi essere come vuoi tu

io potrei anche capire che è meglio essere senza ordine

che senza libertà…

La voce della natura…

Pubblicato: 3 dicembre 2012 in poesie
Tag:, , , , ,

https://i1.wp.com/archdenicola.altervista.org/alterpages/medium/230px-alexandre_cabanel_-_echo.jpg

 

La voce della natura…

Alla fine posso dire di sì

Devo ammetterlo

Facevi parte dei miei pensieri

Forse anche prima

Forse anche dopo

Ma in fondo il tempo è solo una convenzione

Inventata da popoli antichi

Saggi?

Probabilmente

Vedevano tutto in modo diverso

Dentro al mondo

Erano loro la natura

Oggi possiamo solo guardarla

Urla

Ma nessuno la sa ascoltare

E chi si illude di farlo è il primo ignorante

Ma io sono favorito dalla sorte

Dal mondo

Perché posso ascoltare te

Più illuminante di qualsiasi stella

Più dolce di ogni miele

L’uragano

Può fare la voce grossa quanto vuole

Perché è solo la tua voce

Che io voglio ascoltare…

Giorni nuovi…

Pubblicato: 2 dicembre 2012 in poesie
Tag:

https://i2.wp.com/sp1.fotolog.com/photo/17/58/79/chiscavaneicuori/1287774176446_f.jpg

Giorni nuovi…

Anche se i miei occhi non sempre gli stessi

il modo in cui guardo il mondo è cambiato

forse sono cambiato io

forse il mondo

adesso non ha più la scorza

adesso ha solo la polpa

adesso è fatto di realtà

le bugie sono solo abiti fuori moda

una buccia tagliata

un motore guasto

immagina

come lo vedevo prima

un velo

troppo spesso

ma poi è bastato un nome

una nuova sensazione

sono bastati giorni nuovi

passati

respirando..

..ti

adesso

mordo il mondo come fosse una mela

lo assaporo come un buon vino

come un astemio che non sa cosa si perde

adesso voglio vivere questi giorni

ed ubriacarmi di te…