Archivio per la categoria ‘notizie comiche’

questo è il mio vero e unico eroe

Pubblicato: 1 novembre 2010 in notizie comiche

Anziano prepara la sua lapide
«Vita sessuale sofferta»

Un 83enne fa incidere un atto d’accusa verso la moglie defunta: «Non perdono Flavia, le sue ceneri non qui»

 

PADOVA – Ilarità ma anche indignazione nel cimitero di un paesino padovano, Tombolo, dove un arzillo 83enne si è preparato la propria lapide incidendovi sopra un atto d’accusa verso la moglie, defunta: «Vita sessuale sofferta, non perdono Flavia, le sue ceneri non qui». L’uomo, conosciuto in paese come personaggio colto ma piuttosto estroverso – scrive Il Mattino di Padova -, ha messo sulla lapide tanto di foto, data di nascita e accanto a quella del suo trapasso ha scritto: «attendo, o decido io». La moglie era morta nell’aprile del 2008, a 82 anni, e le sue spoglie erano state cremate. L’anziano si è presentato ieri nel camposanto di Tombolo, portando a mano la pesante lapide, che poi ha sistemato in un loculo della tomba di famiglia, per una sepoltura preventiva con «sgarbo» coniugale. (Ansa)

 


Latina, bomba esplode davanti locale Feriti due uomini, ricoverati in gravi condizioni (ANSA) – LATINA, 6 OTT – Un ordigno e’ stato fatto esplodere questa notte a Latina davanti all’ingresso di un locale in Isonzo. Due uomini sono rimasti feriti. I due sono stati trasportati all’ospedale Goretti di Latina, dove si trovano ricoverati in gravi condizioni. Secondo le prime informazioni potrebbero essere stati gli stessi che hanno posizionato l’ordigno. Nell’esplosione il locale e’ stato completamente distrutto mentre a causa del fumo sono stati evacuati gli appartamenti dell’edificio.


Sequestrano gatto e chiedono soldi A Firenze, in manette per estorsione, volevano 20 euro (ANSA)- FIRENZE, 24 SET- Sequestrano un gatto e chiedono il riscatto alla proprietaria, ma la donna li denuncia:arrestati 7 romeni responsabili del ‘rapimento’. La padrona del felino ha ricevuto una telefonata: una voce annunciava che il suo micio era stato rapito mentre stava giocando nel giardino di casa e che per farlo tornare servivano 20 euro. La donna ha accettato, ma prima di recarsi sul luogo convenuto ha chiamato i Carabinieri. I ‘rapitori’, 4 donne e 3 uomini, sono accusati di estorsione in concorso.

Questo è il mio eroe!!!!!!

Pubblicato: 23 settembre 2009 in notizie comiche

Coltivava marijuana sull’autostrada Grecia: arrestato un 35enne mentre si recava ‘al lavoro’ (ANSA) – ATENE, 21 SET – Coltivava piante di marijuana nel mezzo dell’autostrada Atene-Salonicco, un uomo di 35 anni che e’ stato arrestato dalla polizia greca. L’uomo – riferiscono i media – e’ stato bloccato mentre si recava ‘al lavoro’ per occuparsi delle sue 42 piante, alte fino a 1,80m, che crescono, irrorate dal sistema pubblico di irrigazione, lungo lo spartitraffico largo circa un metro al centro dell’autostrada, in localita’ Katerini, un centinaio di chilometri a sud di Salonicco.


Arrestata in fragranza di reato perché colpevole per l’obesità del figlio.
E’ quello che è successo a Jerri Gray, 49 anni, del South Carolina. La donna sostiene di averle tentate tutte per far perdere peso ad Alexander, il figlio di 14 anni.

Ma il giudice, che si è trovato di fronte 225 chili di adolescente, non ha condiviso le parole della madre. Così ha fissato una cauzione di 50 mila dollari, ma grazie alla vendita della storia a qualche media, la donna ha pagato ed è stata liberata. Il figlio è ora sotto la tutela dei servizi sociali.

Jerri non è un caso isolato. Negli USA molti altri Stati hanno portato alla sbarra i genitori di figli sovrappeso. La California, il New Mexico, New York, la Pennsylvania, il Texas ed ora anche la Carolina. Anche se solo in California ed in Indiana la negligenza genitoriale è stata definita “reato”, sembra che l’America si stia orientando anche verso l’incriminazione, intesa come ultima spiaggia, per combattere il fenomeno preoccupante dell’obesità infantile.

I numeri sono inquietanti: bambini con un’età tra i 2 e i 5 anni, il 17% è obeso. Si arriva a circa il 52% tra i ragazzi di 16-19 anni.

Secondo il Wall Street Journal, la risposta all’obesità non ha ancora una strategia condivisa. Su 50 Stati, solo 20 obbligano le scuole allo screening di rilevazione dell’indice di massa corporea (Bmi).

Anche se gli esperti sono critici nei confronti delle iniziative legali intraprese contro i genitori, altri non esitano a sostenere il contrario. E’ il caso di un famoso esperto e proprietario di numerosi centri benessere che dichiara: “L’obesità infantile è un abuso sui minori. Se a tuo figlio dai una droga, finisci davanti al giudice. Se lo uccidi con il cibo, perché no?”


Pensionato di Pordenone spara al PC: andava troppo spesso in crash Un pensionato di Pordenone spara al PC. Era esasperato dai troppi crash e malfunzionamenti del sistema operativo. a cura della Redazione Ricerca una notizia Cerca News Stampa news: ‘Pensionato di Pordenone spara al PC: andava troppo spesso in crash’ Consiglia ad un amico la news: ‘Pensionato di Pordenone spara al PC: andava troppo spesso in crash’ Fate una prova. Vi porta via solo pochi minuti. Andate su YouTube e inserite nel campo di ricerca le parole «stress» e «work». Il portale vi rimanda una serie di risultati con video in cui si mostra cosa può generare nelle persone l’esasperazione di trovarsi a lavorare con un PC che non funziona bene, che gira troppo lento o che subisce continui crash di sistema. In questo video c’è un uomo che sta lavorando in un ufficio e che, come si dice in gergo, “sbrocca” e distrugge il personal computer. L’uomo appare completamente uscito di senno: si alza, prende a pugni il monitor e la tastiera e scaraventa quest’ultima contro lo schermo facendolo cadere in terra. Peggio di lui ha fatto un pensionato di 68 anni residente a Cavasso Nuovo, in provincia di Pordenone, che ha preso la sua pistola, una vecchia calibro 22 regolarmente registrata, e ha sparato cinque colpi contro il proprio personal computer, colpevole di andare troppo spesso in crash. I parenti dell’uomo, spaventati dal rumore della pistola e dalle urla del “killer”, hanno chiamato i carabinieri, che, giunti sul luogo del “delitto”, hanno portato il pensionato in caserma, dove l’uomo ha spiegato di essere arrivato a quel gesto perché esasperato dall’ennesimo malfunzionamento del proprio PC. L’uomo è tornato subito libero, anche perché in possesso di regolare permesso per il porto d’armi, ma i carabinieri hanno comunque deciso di procedere con il sequestro temporaneo della calibro ammazza-PC.


Sesso sul pattino, bagnino licenziato di Marino Smiderle  Venezia Che ci fa quel pattino di salvataggio così lontano dalla riva? Avesse potuto sentire gli uomini della Guardia costiera in servizio sul litorale di Eraclea (Venezia), il giovane bagnino titolare dell’imbarcazione sarebbe stato tentato di rispondere in maniera sbrigativa: «Fatevi gli affari vostri, mannaggia a voi». Sì, perché lui un salvataggio lo stava effettivamente facendo, ma non nel senso in cui pensavano, preoccupati, gli agenti aggrappati disperatamente al binocolo. Lui stava salvando l’onore, un po’ scalfito in verità, del maschio italico. E la testimonianza del successo della sua missione la potrebbe dare la giovane turista con cui il veneziano stava facendo appassionatamente l’amore, con il discreto aiuto delle onde. Ecco, per la verità, non è esattamente questa la concezione di salvataggio che sta scritta nelle clausole contrattuali del lavoro di bagnino. Ed infatti al malcapitato, si fa ovviamente per dire, è stata contestata la grave violazione di abbandono di servizio, con annessa contravvenzione e licenziamento in tronco da parte del titolare dell’impresa. A rivelare l’episodio, risalente al 1° luglio scorso, è stato il Gazzettino, che ha provveduto anche a riportare le giustificazioni del bagnino: «È vero, ero lontano dalla riva, ma da quella posizione si riesce a controllare meglio la situazione». Su questo non ha avuto dubbi nemmeno la fortunata turista, che ha convinto l’integerrimo custode della sicurezza dei bagnanti di quel tratto di spiaggia di Eraclea a verificare il nuovo codice di comportamento. L’imbarcazione si è così spinta a 500 metri dalla riva, troppo lontana, secondo l’accusa, per poter svolgere l’eventuale servizio di salvataggio. Forse a causa di questa placida lontananza, i due giovanotti si sono un po’, come dire, lasciati andare a calde effusioni. Talmente calde da non accorgersi del rumore della lancia della Capitaneria di porto che stava arrivando per verificare se il bagnino avesse bisogno di aiuto. Figurarsi, il virile e muscoloso veneziano se la stava cavando benissimo da solo, e pare che la… salvata non abbia avuto di che lamentarsi. E pure quelli della Guardia costiera, anche se non lo ammetteranno mai, avrebbero preferito fare i complimenti a questo bagnino d’altri tempi e alla di lui passionale compagna. Invece il dovere è dovere, e così è scattata la contravvenzione. Finita qua? Macché. La Guardia costiera, evidentemente, ma ingiustamente, sentitasi presa in giro dalla fuga di notizie boccaccesche, ha ritenuto opportuno diffondere una nota. L’unica autorizzata a diffondere ulteriori particolari al riguardo, va da sé, è la turista. «L’unità impegnata nella ricognizione – prosegue la nota – ha elevato una sanzione amministrativa a carico di un assistente bagnanti che, durante il servizio, si allontanava dalla postazione a lui assegnata oltre le boe dei 500 metri non per una operazione di salvataggio. Le restanti notizie apparse sulla stampa sono destituite di ogni fondamento e non riguardano aspetti che hanno formato l’oggetto del controllo». Il giovane assistente bagnanti, come lo ha definito la Guardia costiera, dovrà trovarsi un altro lavoro. La giovane turista, invece, pare abbia manifestato l’intenzione di rivederlo, possibilmente sulla terraferma.


Studentessa picchia rapinatore

Milano,calci e pugni e lo mette in fuga

Una reazione improvvisa e inaspettata ha messo in fuga un rapinatore. Protagonista del gesto una studentessa che si è difesa a calci, pugni e grida mentre rincasava ed è stata minacciata da un giovane con un coltello. L’aggressore è fuggito e poi è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri pco distante dal luogo dell’agguato, a Cornaredo, nel Milanese.

Il malvivente l’ha spintonata verso l’uscio con l’intenzione di rapinarla. La giovane ha vissuto attimi di terrore, ha pensato che il ragazzo potesse non accontentarsi di soldi e gioielli ma si è fatta coraggio, ha iniziato ad urlare e a colpirlo con calci e pugni fino a quando l’aggressore, disorientato, si è dato alla fuga. La descrizione fornita dalla ragazza ai carabinieri di Cornaredo ha indirizzato i militari verso una loro ‘vecchia conoscenza’: in casa dell’uomo hanno trovato il coltello a serramanico utilizzato per minacciare la vittima, gli indumenti indossati ed anche un fucile da caccia calibro 20 illegalmente detenuto. E sono scattate le manette.


Inglese ubriaco distribuisce
i soldi di un’eredità in aeroporto

MADRID – Un inglese ubriaco, dall’aspetto trasandato, è stato fermato dalla polizia spagnola nell’aeroporto di Maiorca mentre distribuiva a piene manciate agli altri viaggiatori 52 mila euro, frutto di un’eredità.

L’uomo, James B.N., 59 anni, era appena arrivato nello scalo spagnolo proveniente da Manchester, ha precisato in una nota la polizia, quando ha iniziato a estrarre dalle tasche assegni di viaggio e contanti per 52 mila euro e a regalarli, ridendo tutto allegro, ai passanti. Secondo la polizia regionale delle Baleari sembrava un “indigente”, “non era consapevole dei suoi atti”, e oltre a essere ubriaco aveva un aspetto “del tutto trasandato” e diffondeva un odore “sgradevole”.

Gli agenti hanno preso contatto con il consolato britannico che ha confermato l’identità dell’uomo e anche il fatto che il danaro era di sua proprietà, grazie ad un’eredità. La polizia, secondo la stampa spagnola, lo ha subito rispedito nel Regno Unito.

(8 luglio 2009)


Australia/Sgridato, per ripicca mette le foto ose’ della madre online Per punizione era stato mandato a pulire il garage. E proprio lì Michael, uno studente australiano, ha trovato gli scatti hard che la madre si era fatta scattare. E per ripicca li ha messi su internet. Quando la madre le ha scoperte non si è arrabbiata, anzi… Mercoledí 08.07.2009 13:00 La madre gli aveva ordinato di ripulire il garage. Per punizione. E lui l’ha presa alla lettera. Così mentre rovistava tra i vecchi ricordi di famiglia Michael, uno studente di Auckland in Nuova Zelanda, ha trovato 5 scatti ose’ della donna. E, senza esitare, per ripicca le ha messe in vendita sul web. GUARDA LA GALLERY Dopo averlo scoperto però la madre non si è arrabbiata, anzi. La 44enne ha fatto postare altre foto, più soft, di lei nuda. Ma le immagini, visitatissime, sono però state rimosse dal social network che le ospitava.


Autostrade: Sa- Rc pronta 2012- 20013 Anas, costo complessivo sara’ di oltre 10 miliardi di euro (ANSA) – SALERNO, 8 LUG – L’Anas conta di completare il tratto principale dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria entro il 2012-2013,costo complessivo oltre 10 mld. Lo ha detto il presidente dell’Anas Ciucci. La Sa-Rc sara lunga complessivamente 440 km e il costo di realizzazione per km superera’ i 22 mln e 700 mila euro. ‘Parliamo di un’autostrada lunga poco meno della Roma-Milano – ha detto Ciucci, un’autostrada di montagna con un grande tasso di difficolta’ ingegneristica’.


John Sawers
John Sawers 

Cronaca

Il capo degli 007 in mutande su Facebook

06 luglio 2009. Quando si parla di social network è impossibile non pensare al problema della privacy. Condividere con conoscenti, amici e parenti, pensieri e informazioni personali può esser infatti una leggerezza imperdonabile. Lo ha scoperto Lady Shelley Sawers, moglie di John Sawers, ambasciatore britannico all’Onu che dal prossimo mese di novembre vestirà il ruolo di capo degli 007 inglesi. La donna, certamente in buonafede, ha “postato” 45 fotografie del marito, anche in compagnia di personalità assai note, assieme alle immagini dei figli, ai dettagli sulla loro residenza londinese e una serie di informazioni sensibili inerenti le abitudini della famiglia.
La vita privata del capo degli 007 finisce su Facebook – Le immagini sono state prontamente rimosse, anche quelle che lo ritraevano in costume da bagno, ma prima che ciò accadesse sono state scaricate e pubblicate sul Mail on Sunday, il domenicale del Daily Mail. L’ingenuità della signora Sawers non ha mancato di sollevare delle polemiche: in tanti, dall’opposizione, si chiedono il perché quel profilo non fosse stato sottoposto ad alcun filtro o restrizione. In alcuni degli scatti incriminati il futuro responsabile dell’MI6 è apparso mentre giocava a frisbee sulla spiaggia mentre in altre indossava un “poco consono” copricapo da Babbo Natale. Di lui si è saputo praticamente tutto, perfino che preferisce indossare dei calzoncini Speedo quando va al mare.
Un inquietante legame di famiglia – Sfogliando tra i vari post della signora Sawers il giornalista del Mail ha scoperto anche un dettaglio inquietante che non porterà vanto all’immagine del futuro capo degli 007. Il cognato di John, l’ex diplomatico Hugo Haig-Thomas, con cui Sawers ha trascorso persino le ultime vacanze, è un membro dell’organizzazione fondata dal revisionista David Irving, incarcerato per 3 anni in Austria in quanto responsabile di aver negato l’esistenza dell’Olocausto ed aver esaltato il partito nazista.
L’opposizione chiede al primo ministro Brown di avviare un’inchiesta – Edward Davy, responsabile per gli esteri del partito liberal democratico, ha chiesto al primo ministro Gordon Brown di avviare un’inchiesta per verificare se l’episodio abbia compromesso o meno la sicurezza del designato capo dell’MI6 al punto da impedirgli di occupare la posizione. (Tratto dal Mail on Sunday)

Redazione Tiscal


Sri Lanka: arrestato astrologo
Dopo previsione in tv: presidente cadra’ a settembre
(ANSA) – NEW DELHI, 27 GIU – Il governo dello Sri Lanka ha fatto arrestare un astrologo che ha predetto per il prossimo settembre la caduta del presidente Rajapaksa. Chandrasiri Bandara e’ uno dei piu’ popolari e seguiti astrologi dell’isola ex Ceylon. In tv ha preannunciato che il prossimo 9 settembre, il presidente Mahinda Rajapaksa cadra’ e sara’ sostituito dall’attuale primo ministro. Finita la trasmissione Bandara e’ stato arrestato e da tre giorni e’ sotto custodia della polizia.

Usa: madre morta, si traveste e incassa la pensione per sei anni Mobile * « PRECEDENTE * Foto 1 di 6 * SUCCESSIVO » {B}Usa: madre morta, si traveste e incassa la pensione per sei anni{/B} E’ una storia vera ma sembra ucita direttamente dalla sceneggiatura del film “Psyco”. La disperazione e la povertà hanno spinto Thomas Parkin, newyorkese di 49 anni, a vestirsi come la madre deceduta sei anni prima. Alla morte di Irene Prusik il figlio dichiarò false generalità anagrafiche riuscendo ad architettare la truffa. Successivamente cominciò ad usare lo stesso trucco, gli stessi vestiti, il bastone e tutto ciò che rendeva riconoscibile la donna. Con un complice, che si fingeva il nipote, è riuscito ad incassare i sussidi statali per una somma pari a 100 mila dollari. Quando Thomas è stato arrestato continuava a ripetere alle autorità di “essere lei”, tale era diventata l’identificazione con la mamma morta *

e porca paletta che sfiga!!!!!!!

Pubblicato: 10 giugno 2009 in notizie comiche

Scampa volo fatale, ma muore in auto
Di ritorno dal Brasile, sull’autostrada che porta al Brennero
(ANSA) – BOLZANO, 10 GIU – Una donna ha mancato per pochi minuti il volo Air France che si e’ inabissato nell’Atlantico, ma e’ morta poi in un incidente stradale. Di ritorno dalla vacanza in Brasile, la sua auto e’ uscita di strada sull’autostrada che dall’aeroporto di Monaco di Baviera porta al Brennero.Con il marito aveva viaggiato su un aereo decollato pochi minuti prima di quello caduto. Una volta in Baviera i coniugi meranesi volevano rientrare velocemente. A Kufstein, pero’, l’auto e’ volata fuori strada.

Napoletano muore in fila per il museo Fotografato da altri turisti a Urbino Commenti Invia Stampa URBINO (12 maggio) – Si chiamava A.L., 78 anni, originario di Napoli, ma residente da tempo a Reggio Emilia, l’uomo che è morto per un improvviso attacco cardiaco davanti al Palazzo Ducale di Urbino, mentre faceva la fila per entrare a una mostra in corso dedicata a Raffaello, e la cui salma – seppure coperta da un lenzuolo – due turisti, anch’essi in coda per entrare all’esposizione, hanno fotografato, venendo per ciò redarguiti da un tenente della polizia municipale. L’uomo si è accasciato al suolo, e il 118, intervenuto per i soccorsi, non ha potuto fare altro che accertarne il decesso. È stata quindi chiamata una ditta locale di pompe funebri, che però, per un disguido, è giunta soltanto una quarantina di minuti più tardi. Nel frattempo, i vigili urbani hanno ricoperto la salma con un lunzuolo, ma tra la moltitudine di turisti che ieri riempiva la piazza centrale di Urbino – la maggior parte dei quali, passando, si segnava – due uomini hanno fatto alcuni scatti. Il tenente della Polizia municipale presente sul posto li ha allora invitati a smettere, cosa che i due hanno prontamente fatto, scusandosi e subito allontanandosi. La salma, successivamente, è stata rimossa dalla ditta di pompe funebri; non essendovi alcun dubbio sulle cause naturali del decesso, non verrà eseguito alcun esame autoptico.


Ha la faccia di un attore, ma a recitare non deve essere un granchè, visto che alla conferenza stampa finale del G7 finanziario che si è tenuto a Roma farfugliava e sudava freddo, in poche parole era ubriaco fradicio.

Shoichi Nakagawa al G-7 di Roma. Polemiche in Giappone per la presunta ubriachezza durante il vertice Il ministro delle Finanze, Shoichi Nakagawadice, smentisce, dicendo che è tutta colpa di alcune medicine prese contro il raffreddore, ma pochi gli credono, visti anche i suoi precedenti. L’opposizione ha chiesto immediatamente le sue dimissioni, sottolineando che si tratta di un nuovo scandalo per il primo ministro Taro Aso, i cui consensi non sono mai stati così bassi: 9,7% secondo un sondaggio realizzato nel fine settimana.
Intanto le emittenti nipponiche trasmettono in continuazione le immagini di Nakagawa, 55 anni, conosciuto per il suo vizio del bere, che risponde con grosse difficoltà ai giornalisti giapponesi: la bocca impastata, lo sguardo perso nel vuoto e più volte colto dalle spietate telecamere in uno stato assopito.

Alla conferenza stampa Nakagawa, con a fianco il governatore della Banca del Giappone (BoJ) Masaaki Shirakawa, appare rosso in volto, mentre lotta visibilmente per tenere gli occhi aperti: “Qualcosa come una dichiarazione è stata pubblicata”, tenta di articolare in maniera penosa, rispondendo a una domanda.  “Il tasso d’interesse, fissato dalla Banca del Giappone va dallo zero allo 0,25% ed è molto basso”, ha aggiunto, con grande imbarazzo del governatore della Banca centrale. Il tasso d’interesse della Boj è infatti dello 0,1%. Nakagawa ha poi interrotto un giornalista che faceva una domanda a Shirakawa sulla politica monetaria. “Eh, eh, eh. Che? Potete ripetere?”. Poi, mentre un altro giornalista ha preso il microfono per fare una domanda, lui ha alzato la voce e ha chiesto: “Dove siete?”, guardando dalla parte opposta della sala, fino a quando un assistente non gli ha indicato la direzione giusta.

Al suo rientro in Giappone, Nakagawa ha smentito alla stampa di essere stato sotto l’effetto dell’alcol. “Ho il raffreddore e sinceramente le medicine sono state troppo forti”, ha detto, starnutendo. Ha negato di aver bevuto durante il G7. A una domanda sulle sue possibili dimissioni ha risposto: “E’ una decisione che spetta al primo ministro”. L’opposizione approfitta il nuovo scandalo e attacca nuovamente il premier Aso, che vede il suo tasso di popolarità precipitare, per la prima volta, sotto la soglia del 10%: “Merita di essere licenziato immediatamente. E’ scandaloso”, ha dichiarato il segretario del principale partito di opposizione, il Partito democratico del Giappone (Pdj), Yukio Hatoyama. “I danni provocati all’interesse nazionale sono immensi”, ha aggiunto. Il portavoce del governo, Takeo Kawamura, ha ammesso che si tratta di un incidente “molto spiacevole”.

Secondo un sondaggio realizzato nel fine settimana da Ntv, una delle principali emittenti televisive, il premier Aso, che tenta di mantenere il potere nonostante le percentuali di consenso così basse, ottiene appena il 9,7% delle preferenze. Si tratta del risultato più basso dopo quello registrato dall’ex primo ministro nipponico Yoshiro Mori, che alla fine del suo mandato, nel 2001, ottenne meno del 9%.

gliu porn….

Pubblicato: 26 gennaio 2009 in notizie comiche

è un pò di giorni che come termine di ricerca, per trovare il mio blog,nella sezione di amministatore, leggevo “gliu porn” e nella mia mente ho  pensato fosse qualcuno che parlava in dialetto.  Ma poi sono stato smentito da questo tipo di ricerca “www.gliuporn.com” in pratica stavano cercando you porn,ma non sapevano come scriverlo!!! A parte il fatto che non ho parole ma solo parolacce, ma non li posso nemmeno definire maiali, dato che anche i maiali sanno come si scrive youporn….

uccidi virgola

Pubblicato: 22 dicembre 2008 in dediche, notizie comiche

http://www.tuttoscemo.com/cagate/uccidi-virgola/917.html


Nonne-pusher
con sette nipoti

di Anna Maria Liguori

Due nonne romane spacciatrici di cocaina. Le donne, di 70 e 68 anni, sono state arrestate dai carabinieri, ieri in due distinte operazioni, con l´accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La donna di 70 anni, che con quest´ultimo ha collezionato nove arresti, riforniva i piccoli spacciatori del litorale.

L´anziana è stata sorpresa nella sua abitazione di Ostia, dove i carabinieri sono intervenuti con l´ausilio delle unità cinofile e di personale femminile dell´Arma. Tra gli effetti personali della nonna, i militari hanno trovato le dosi di cocaina e il denaro contante che è probabilmente provento dello spaccio.

A Tor Bella Monaca l´altro arresto. I carabinieri hanno colto in flagranza una 68enne nel suo appartamento mentre confezionava e preparava dosi di droga da spacciare. Si tratta di B. L., madre di 3 figli e nonna di 7 nipoti che «per arrotondare la pensione». come ha detto ai carabinieri, è diventata pusher.

Ieri sera, nel corso della quotidiana attività di controllo del territorio, i carabinieri hanno fatto irruzione nell´appartamento di via dell´Archeologia dove avevano notato un continuo via vai di giovani. Sul tavolo anche bilancini di precisione, frullatori per «tagliare» le dosi e 400 grammi di cocaina in un sacchetto sul tavolo della cucina.